L'Inter a corto di idee finisce nel baratro con vista Champions

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Settembre Set 2018 16 settembre 2018

Il Parma passa con la rete dell'ex. Spalletti: «Colpa mia». Mancano regista, gol e un rigore

6,5 SEPE Le prende tutte, ma non tiene un pallone neanche a mettergli la colla. Ne lascia un paio sanguinosi in mezzo all'area, salvato dai compagni.

6 IACOPONI In apnea di fronte a Perisic, ma non abbassa mai la testa (dal 31' st SIERRALTA sv).

6,5 BRUNO ALVES Pensi a un giocatore venuto a svernare. E sbagli.

7 GAGLIOLO Ferma tutto e tutti: di testa, in scivolata, in anticipo. Baluardo.

6 GOBBI Tiene la posizione, poi lascia per infortunio (dal 1' st DIMARCO 8 Il suo sinistro non si scopre certo adesso, ma quello che gela San Siro incanta. Salva un paio di gol, prima di far pentire i dirigenti nerazzurri).

6 RIGONI Ha il compito di mantenere l'equilibrio della squadra.

6,5 STULAC Nonostante la giovane età, ha la personalità e la sapienza per una regia mai scontata. Come con la Juve sfiora il gol dalla distanza.

6,5 BARILLÀ È il raccordo tra le due fasi.

6,5 GERVINHO Un paio di serpentine dei vecchi tempi, gioca con intelligenza gestendo il peso degli anni.

6 INGLESE Boa che apre varchi per le ripartenze.

6 DI GAUDIO Nessuna scintilla, ma diligente (dal 18' st DEIOLA 6).

All. D'AVERSA 7 Dopo la Juve la squadra si conferma consapevole del fatto suo. Neopromossa che si candida a rivelazione.

Arbitro MANGANIELLO 5,5 Il Var non lo aiuta sul braccio di Dimarco.

Commenti

Commenta anche tu