C'è uno "Squalo giallo" in scena al Piccolo. L'ultima opera di Zappa

C'è uno Squalo giallo in scena al Piccolo. L'ultima opera di Zappa
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Ottobre Ott 2018 04 ottobre 2018

Il concerto eseguito sabato e domenica dall'Ensemble Bernasconi. Dirige Rundel

Salta all'occhio - e alle orecchie in questo caso - la coincidenza della messa in scena dell'ultima opera scritta da Frank Zappa «The Yellow Shark» prima a Venezia alla Biennale Musica (contemporanea), i giorni scorsi, e adesso anche al Piccolo Teatro Studio Melato a Milano (sabato alle ore 19,30 e domenica alle 16).

A essere «profondamente dietrologi» davanti a questa junghiana sincronicità si potrebbe quasi dire che c'è in corso un'«operazione-risveglio». Obiettivo forse, ricordare all'universo mondo che già parecchio tempo fa - correva l'anno 1993 quando questo lavoro veniva pubblicato in forma di album con 17 brani - c'era qualcuno che la rivoluzione la faceva veramente in maniera «diversa» rispetto all'avanguardia dei «duri e puri». E che oggi - tra mille discussioni, ripensamenti e frantumazioni - c'è quasi da riconoscere che certi «padri» erano/sono più avanti dei «figli» e dei nipotini. Già, proprio così. Disquisizioni a parte, è degno di nota l'impegno che si è preso l'Ensemble Giorgio Bernasconi dell'Accademia del Teatro alla Scala di portare questo lavoro davanti al pubblico milanese, e non solo, visto che questa produzione dopo proseguirà per il Parco della Musica di Roma (10 ottobre) e il Teatro Vallo di Reggio (12 ottobre). Ma entriamo per un attimo nel personaggio e nella sua creazione.

Frank Zappa, per i cultori più delle immagini-choc noto pure per la foto che lo ha ritratto seduto in bagno, della serie «celebrità & libertà», è stato soprattutto un uomo che dell'indipendenza artistica ha fatto una bandiera, scrivendo in maniera colta, erudita, ironica e anticonformistica allo stesso tempo. Certamente, nel periodo e nell'ambito rockettaro in cui ha operato, il suo discorso dagli ambienti super accademici non era visto bene da tutti. Anche se dalla sua aveva, a difenderlo a chiare lettere, un personaggio dell'avanguardia di ferro come Pierre Boulez, serialista integrale post-weberiano, che di lui disse: «È una colonna portante della musica». Un'asserzione dal sapore profetico dimostratasi vera anche a distanza di decenni, visto che ancora oggi celebrare l'opera dell'«hippy della contemporanea» è avvertito dai più come un evento.

E in questo caso l'«evento», per il capitolo titolabile «i grandi ritorni», sarà celebrato nella direzione d'orchestra da Peter Rundel, allora violinista dell'americana Ensemble Modern di Francoforte già candidato a sostituire sul podio Zappa nel 1991, viste le sue condizioni di salute. Venticinque anni dopo Rudel torna sulla scena proprio con lo «Squalo giallo», e l'altro giorno ne ha parlato anche con una certa emozione alla presentazione del progetto che è stata fatta nella sala prove «Abanella» del Teatro alla Scala. Che cosa ci si può aspettare a livello di reazione lo si può un po' immaginare ripensando un attimo ai resoconti sulla serata alla Biennale: al concerto partenza in silenzio religioso come s'usa nella classica e anche nella contemporanea; ma ecco il finale - secondo le cronache - con applausi scoscianti, urla, urletti e fischi di gradimento, persino balletti, come in un «live» rock. Che dire? Zappa, il «dissacratore» del secondo Novecento, è tornato. E colpisce ancora.

Commenti

Commenta anche tu