Scopre che il sasso usato per bloccare la porta è un prezioso meteorite

Scopre che il sasso usato per bloccare la porta è un prezioso meteorite
8 Ottobre Ott 2018 15 giorni fa

Un uomo ha usato per 30 anni un sasso per bloccare la porta di casa: solo di recente ha scoperto l'origine del minerale, un meteorite dal valore di 87.000 euro.

Un sasso può essere una buona soluzione per bloccare una porta: è proprio questo l'uso che ne ha fatto per 30 anni un contadino, David Mazurek, in una fattoria dello Stato del Michigan, negli Stati Uniti. Eppure quella pietra, usata sin dal 1988, è in realtà un prezioso meteorite, dal valore di circa 87.000 euro. L'agricoltore ha sempre sospettato un'origine anomala per il suo originale sasso e, dopo aver notato un resoconto di vendita di preziosi meteoriti, ha voluto far valutare nel dettaglio la sua pietra.

Una geologa della Central Michigan University, Monaliza Sirbescu, dopo le opportune verifiche ha dichiarato come sia la prima volta, in 18 anni di carriera, che le capita di trovare effettivamente un meteorite tra i vari sassi che le vengono consegnati. "Ho capito subito che si trattava di qualcosa di speciale. È l'esemplare più prezioso che abbia mai avuto nella mia vita, sia a livello monetario che scientifico". Secondo alcuni esperti, il pezzo di ferro e nichel -che pesa poco più di 10 chilogrammi - è il sesto meteorite più grande trovato nel Michigan.

Il contadino ha raccontato che il meteorite si trovava all'interno di un fienile acquistato nel 1988 a Edmore, un villaggio degli USA: dalle ricostruzioni, la pietra spaziale sarebbe caduta sulla struttura negli anni '30. Da quanto si apprende, il meteorite è ancora sotto osservazione per verificare l'eventuale presenza di elementi rari. Intanto, sia il museo dello Smithsonian Institution di Washington che il museo minerario del Maine stanno valutando il suo acquisto. Mazurek, nel frattempo, ha dichiarato che una parte del ricavato della futura vendita, esattamente il 10%, verrà donata alla facoltà di geologia dell'Università.

Tags

Commenti

Commenta anche tu