Segreti, perché fa male averne: lo studio

Segreti, perché fa male averne: lo studio
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
8 Ottobre Ott 2018 08 ottobre 2018

I segreti possono influire sulla salute: è quanto rivela uno studio, che ha analizzato decine di migliaia di rivelazioni in un gruppo campione

I segreti sono un bene per la salute del cervello? No, perché causano stress e malessere. A cercare di scandagliare gli effetti che i segreti possono avere sull'organismo è uno studio dal titolo "The Experience of Secrecy", apparso sul Journal of Personality and Social Psychology e realizzato da Michael L. Slepian, Jinseok S. Chun e Malia F. Mason della Columbia University.

Secondo la ricerca, il concetto di segretezza richiama alla mente l’idea che tutto si svolga tra due parti, cioè una persona che nasconde qualcosa a un’altra - o a un gruppo di persone. Tuttavia, quest’aspetto è abbastanza raro: i ricercatori sono partiti da dieci studi pregressi per capire cosa significhi tenere un segreto e come questo possa causare un minore benessere.

La mente umana è infatti abituata a vagabondare - dice la ricerca - e quindi a pensare spontaneamente al segreto celato a una o più persone. E accade molto più spesso di rimuginare sulle informazioni in proprio possesso, in merito alla possibilità di incontrare persone a cui il segreto non debba essere raccontato, innescando così una rete di cambi di discorso o dissimulazioni. Per questa ragione, sono stati analizzati 13.000 segreti dei partecipanti allo studio, per comprendere quali siano la ricadute in termini di soddisfazione in una relazione - non necessariamente sentimentale - oppure sul benessere e sulle salute fisica.

Secondo gli studiosi, l'elemento peggiore è nascondere un segreto relativo a un esito medico, perché induce a pensare che la verità venga celata perché corrispondente all’ipotesi peggiore, come una malattia mortale. In generale, mantenere un segreto comporta ansia - da prestazione soprattutto - perché il cervello nel suo vagabondare torna frequentemente sulla questione. È un processo normale, cui spiritualmente si dà il nome di coscienza, ma è quello che può influire sulla salute, comportando uno stress che non sempre si può sostenere.

Tags

Commenti

Commenta anche tu