Bonucci: "Il Milan? Una scelta sbagliata fatta in un momento di rabbia"

Bonucci: Il Milan? Una scelta sbagliata fatta in un momento di rabbia
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Ottobre Ott 2018 10 ottobre 2018

Leonardo Bonucci è tornato a parlare del suo addio alla Juventus nell'estate del 2017: "Andare al Milan fu una decisione difficile presa in un momento di rabbia, adesso ho capito che l'istinto ci può far compiere scelte sbagliate"

Leonardo Bonucci in estate è tornato all'ovile, nella sua casa, alla Juventus, il club che l'ha fatto diventare uomo e grande calciatore. Il 31enne di Viterbo, però, lo scorso anno decise di lasciare i bianconeri per accettare la corte del Milan che nonostante fosse un nuovo arrivato gli diede pure la fascia di capitano. L'ex canterano dell'Inter ai microfoni del Corriere dello Sport è tornato a parlare della sua scelta del luglio del 2017: "Nella Juventus ci sono rigore e serietà, il mio sogno è di poterla allenare in futuro. Nel 2017 fu una decisione difficile presa in un momento di rabbia, adesso ho capito che l'istinto ci può far compiere scelte sbagliate". Queste sue dichiarazioni, naturalmente, hanno scatenato tanti tifosi rossoneri che sui social hanno espresso il loro dissenso per le parole utilizzate dal loro ex calciatore e capitano.

Bonucci ha poi continuato elogiando la Juventus: "Qui è come una famiglia, sono stato accolto come se non me ne fossi mai andato: ti fanno sentire tutti a casa. E c'è una mentalità con la quale si punta tutti verso lo stesso obiettivo. Gli screzi Allegri ? Capita di avere discussioni anche accese. Ma poi ci si chiarisce, ci si stringe la mano e si va avanti. La sua dote migliore è l'intelligenza, così riesce a gestire uno spogliatoio tanto importante". Infine, il difensore della nazionale italiana ha poi parlato della sua voglia di fare l'allenatore in futuro: "Il sogno futuro? Poter diventare un allenatore importante di una grande squadra, possibilmente la Juve. Per questo sto mettendo da parte tutto ciò che ho visto dagli allenatori che ho avuto in carriera".

Tags

Commenti

Commenta anche tu