Orietta Berti: "Il Pd mi ha accusato per Di Maio. Ma non hanno fatto nulla"

Orietta Berti: Il Pd mi ha accusato per Di Maio. Ma non hanno fatto nulla
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Ottobre Ott 2018 11 ottobre 2018

Orietta Berti non ha dimenticato le polemiche di qualche tempo fa innescate dal Pd per i suoi complimenti a Luigi Di Maio. E ora racconta come è andata a finire

Orietta Berti non ha dimenticato le polemiche di qualche tempo fa innescate dal Pd per i suoi complimenti a Luigi Di Maio. Adesso in un'intervista a Oggi, la cantante torna su quell'episodio e adesso al settimanel Oggi affida il suo sfogo: "Il Pd aveva minacciato un esposto contro di me. Tutto si è risolto in un nulla di fatto. All'inizio mi ero un po’ preoccupata, poi ho ricevuto una quantità tale di telefonate e messaggi da dirigenti del Pd che mi sono tranquillizzata".

Poi racconta di aver ricevuto anche delle scuse proprio da chi l'aveva attaccata: "Mi hanno detto che mi vogliono bene e che desideravano scusarsi per gli attacchi di cui ero stata destinataria". Infine ribadisce la sua fiducia proprio in Di Maio: "Certo. Lo trovo onesto. Si è tagliato lo stipendio, prende 2.500 euro al mese e ha pure una faccia pulita. Sono molto contenta di aver votato Cinquestelle, mi spiace solo non averlo potuto fare prima". Insomma il grillino resta in cima ai preferiti della cantante.

Commenti

Commenta anche tu