Adesso gli italiani ​mangiano più carne

Adesso gli italiani ​mangiano più carne
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Ottobre Ott 2018 12 ottobre 2018

Cresce in Italia il consumo di carne, con un 5% in più nel corso del 2018: ecco le ultime rilevazioni, tuttavia al di sotto della media europea

Più carne sulla tavola degli italiani. Crescono i consumi di questo alimento, ma si resta molto al di sotto della media europea. Secondo i dati Ismea, nel primi tre mesi del 2018 è stato consumato un 5% in più di carne in tutto lo Stivale. Tuttavia gli italiani ne consumano "solo" 79 chili a testa all’anno, contro la media europea che si attesta intorno ai 100 chili. Può essere un fenomeno dovuto alla cucina tradizionale italiana, che tramanda ricette vegane all’origine come la pasta e fagioli o il risotto allo zafferano, ma anche vegetariane come la parmigiana di melanzane e la pasta alla norma. Ma d’altra parte l’Italia è anche il Paese dell’amatriciana e della carbonara.

E - a quanto pare - negli ultimi tempi anche della grigliata. Il business dei barbecue è sempre in crescita e proliferano i gruppi social dedicati a questo modo divertente e gustoso di cucinare. Libero parla infatti di 50 milioni di fatturato per questo strumento e riporta un dato: nel 2016 sono stati venduti circa 350.000 barbecue.

Ma un’altra tipicità tutta italica è la passione per le carni pregiate. Chi mangia carne non si accontenta e punta sulla qualità, privilegiando prodotti che presentino certificazione d’origine come Dop (Denominazione di Origine Protetta) o Igp (Indicazione Geografica protetta). Queste sigle indicano legano indissolubilmente qualità e territorio.

Ma c’è chi sale e chi scende. Secondo Yahoo, tra gli incrementi nei consumi c’è il maiale - che registra un aumento 5,2% di vendite - vitello, con l’aumento del 5,5%, e pollo, che sale del 5,3%. Si consuma però meno coniglio, i cui consumi scendono del 4,9%.

Tags

Commenti

Commenta anche tu