Bilancio uragano Michael: 6 morti negli Usa

Bilancio uragano Michael: 6 morti negli Usa
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Ottobre Ott 2018 12 ottobre 2018

L'uragano Michael ha mietuto le sue vittime anche negli States dopo aver ucciso 13 persone nell'America Latina per le fortissime piogge che hanno spazzato via tutto

L'uragano Michael ha fatto le sue vittime anche negli Stati Uniti uccidendo 6 persone dopo il suo passaggio nell'America Latina dove ne ha uccise 13

Il governatore dello stato della Florida Rick Scott ha dichiarato che l'uragano Michael: "Ha distrutto tutto". Si è abbattuto sulla costa della Florida il passato 11 ottobre. Siamo davanti ad uno scenario apocalittico: "Tante persone hanno perso tutto". Il bilancio è allarmante, infatti Michael ha costretto 370mila persone a lasciare le proprie abitazioni e ha ucciso 6 persone soltanto negli Stati Uniti. Pochi giorni fa la devastazione del fenomeno aveva toccato l'America Latina, dove ben 13 persone erano morte a causa dei violentissimi nubifragi che si è portato dietro.

Il picco l'ha toccato raggiungendo una velocità di 250 kmh, si è indebolito mentre si è diretto a nord est dello stato. Scott ha inoltre affermato che, nonostante le procedure d'evacuazione fossero chiare, non tutte le persone hanno abbandonato casa come avrebbero dovuto.

L'uragano Michael ha viaggiato a 205 kmh sul Golfo del Messico per poi raggiungere, al suo arrivo sulle coste della Florida, la velocità di 250 kmh. Scott aveva invitato fin da subito i residenti delle zone costiere ad abbandonare le abitazioni:"Scappate, è mostruoso!" ma nonostante le raccomandazioni del governatore moltissimi statunitensi non hanno lasciato le abitazioni.

Ecco un video che lo riprende dallo spazio

Inizialmente le previsioni erano che toccasse anche le abitazioni della Georgia con un'intensità sempre maggiore invece ora la forza del fenomeno sta scemando e dovrebbe declassificarsi nelle prossime ore dopo aver spazzato la Florida a 250 kmh.

Tags

Commenti

Commenta anche tu