Centri per l'impiego nel caos: "Cerchi lavoro? Meglio se vai su internet"

Centri per l'impiego nel caos: Cerchi lavoro? Meglio se vai su internet
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Ottobre Ott 2018 12 ottobre 2018

Impossibile trovare un lavoro attraverso i Centri per l'impiego. I responsabili, spesso, come dimostra l'inchiesta del Corriere, consigliano di rivolgersi alle agenzie private o ai siti internet

"Lavoro da darvi non ne abbiamo, mica siamo il collocamento". È questa la risposta che hanno ricevuto i cronisti del Corriere della Sera che si presentati in un centro per l'impiego di Casoria, in provincia di Napoli, dove si sono presentati fingendosi dei disoccupati.

I Centri per l'impiego dovrebbero favorire "l’incontro tra domanda e offerta di lavoro" sul territorio in cui operano ma, in Campania, la disoccupazione è al 21,8% e, chi si rivolge a queste strutture, spesso non trova alcun tipo di aiuto. "Sono iscritta al centro ma in tanto tempo non mi hanno mai offerto niente. Vengo giusto per avere la certificazione di disoccupazione e ottenere i contributi", rivela una signora che fa la fila per parlare con gli impiegati della struttura. Impiegati che, in assenza di proposte di lavoro, consiglia di andare sul sito Subito.it oppure cercolavoro.it. In alternativa c'è cliclavoro.campania. Consultando quest'ultimo sito della Regione, si scopre che le offerte di lavoro sono soltanto nove e di queste ben 6 sono contratti di tirocinio o apprendistato legati al progetto Garanzia Giovani, avviati solo per gli under 30. Dai funzionari del Centro per l’impiego, infine, arriva la proposta più incredibile: rivolgetevi alle agenzie private: "Glielo dico con tutta franchezza, per quanto siano in antitesi con i Centri per l’impiego e quindi con il pubblico, funzionano meglio di noi. Se vuole le do una mano a contattare l’agenzia più vicina". A breve, secondo le intenzioni del governo, infine, queste strutture dovrebbero essere soggette a una riforma e dovrebbero occuparsi dei disoccupati che faranno richiesta del reddito di cittadinanza. Cosa cambierà? Di fatto si tornerà indietro di 20-25, spiegano, ma sarà pressoché impossibile trovare 3 proposte di lavoro, come prevede la legge. "Al momento non abbiamo ancora nulla. Le offerte di lavoro che proporremo saranno quelle che offriamo oggi in questa stanza", rivelano.

Tags

Commenti

Commenta anche tu