Loredana Bertè: "Mio padre è stato un bastardo, prendeva a calci mia madre per farla abortire"

Loredana Bertè: Mio padre è stato un bastardo, prendeva a calci mia madre per farla abortire
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Ottobre Ott 2018 12 ottobre 2018

A L'Intervista, Loredana Bertè si lascia andare e affronta alcuni dei temi più delicati della sua vita

"Mio padre? Era un bastardo, sono contenta che sia morto". Queste parole forti Loredana Bertè le ripete più volte. Sono parole dure ma che per lei hanno un senso. Forte. Già in passato aveva raccontato del difficile rapporto con il padre, descritto come un uomo violento. Ora, a L'Intervista di Maurizio Costanzo, entra nei dettagli. E parla anche di Mia Martini: "Ho visto delle scene che nessuno dovrebbe vedere. Ho visto mio papà che prendeva a calci mia madre per farla abortire all'ottavo mese di gravidanza. Era un bastardo, sono contento che sia morto".

Laciato da parte il padre Giuseppe Radames Bertè, morto nell'ottobre 2017 a 96 anni, parla della sorella Mia Martini: "Nelle giornate particolarmente violente mi portava al luna park per farmi uscire di casa. Mi manca disperatamente. Ho dei rimpianti, quello di non averle detto abbastanza ti voglio bene, ma il mio rimorso più grande è non averla stretta mai, non averla mai abbracciata. Quando è morta è morta anche una parte di me".

L'intervista della Bertè è parecchio forte e nel parlare sia del padre che della sorella la rockstar si commuove...

Commenti

Commenta anche tu