«Olivieri 1882», il top brand della pasticceria made in Italy

12 Ottobre Ott 2018 11 giorni fa

Perché il panettone griffato è tra i primi cinque prodotti artigianali nella classifica Gambero Rosso

Beatrice Coppola

Occorre essere visionari per dare vita a un'opera d'arte capace di esprimere la sua vera essenza. E a quanto pare alla famiglia Olivieri, che dal 1882 continua a plasmare il suo capolavoro, non è mai mancata la capacità di interpretare i cambiamenti dei gusti dei consumatori.

Ma che cos'è Olivieri 1882? L'azienda di Arzignano, in provincia di Vicenza, si proietta verso nuovi orizzonti portando in dote una storia di oltre un secolo di gusti e sapori che hanno sempre saputo stupire, addolciti da ricette di pasticceria e frutto di artigianalità: «Artigiani per vocazione», il motto della dynasty. E proprio sull'attività artigiana e l'attenzione alla qualità degli ingredienti, la famiglia Olivieri ha creato un brand che, oggi (segnalato su guide come il Gambero Rosso e su testate, sia nazionali, sia locali), oltre alla pasticceria e alla caffetteria, alla pizza e alla sua cucina, si distingue in primis per la produzione di lievitati da ricorrenza.

Da oltre 130 anni, il panettone firmato Olivieri è un vanto per l'azienda. Andrea Olivieri, esponente della quinta generazione della famiglia di quel Luigi che fondò il primo forno Olivieri, erede oculato che si occupa della parte strategica dell'attività commerciale, accanto al fratello Nicola che segue con grande coerenza il filone dei lievitati, racconta come un'eccellenza possa nascere solo da una combinazione matematica di ingredienti ricercati e selezionati.

«Partiamo dal lievito - spiega Andrea Olivieri - In Veneto abbiamo le migliori scuole di lievitisti e noi, da sempre, utilizziamo il lievito madre rendendo così il prodotto più digeribile. Oggi, il nostro panettone (premiato come uno tra i cinque migliori panettoni artigianali d'Italia, secondo la classifica di Gambero Rosso, pubblicata nel numero del 28 novembre 2017, ndr) ha cambiato forma. Ora è disponibile in diversi formati e utilizziamo diverse tecniche di cottura, tra le quali la vasocottura che si contraddistingue per la sua estrema sofficità. Produciamo per lo più panettoni classici - aggiunge Olivieri - seguendo la ricetta tradizionale, con ingredienti di estremo valore. Se il disciplinare richiede almeno l'utilizzo del 4% di uova, noi ne impieghiamo il 16%, rigorosamente italiane, bio e da galline allevate a terra, oltre a burro di centrifuga. Senza dimenticare l'uvetta australiana cinque corone, quindi quella più grande, vaniglia bourbon del Madagascar, miele d'acacia italiano e frutta candita esclusivamente dai nostri esperti pasticcieri. Inutile dire - conclude Andrea Olivieri - che non crediamo assolutamente nell'utilizzo di coloranti, conservanti o aromi artificiali: nulla di tutto ciò sarà presente nel nostro prodotto».

Tra pochi giorni, a partire da novembre, sarà possibile acquistare anche online i lievitati Olivieri, andando sul sito www.olivieri1882.com

Commenti

Commenta anche tu