Cure, esami e protesi: sanità gratis agli irregolari (e anonimato garantito)

Cure, esami e protesi: sanità gratis agli irregolari (e anonimato garantito)
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Ottobre Ott 2018 13 ottobre 2018

Un tesserino assicura l'assistenza agli stranieri. La prefettura: niente segnalazione alle autorità

Tutto subito, velocemente e gratis. L'Italia riconosce agli «stranieri irregolarmente presenti» sul territorio nazionale una corsia preferenziale, riservata ed esclusiva, in cui sono garantite cure e prestazioni che gli italiani possono solo sognare. Non è la narrazione di un esagitato xenofobo ma il quadro che emerge dalla testimonianza diretta di un medico, oltre che dai riferimenti che lo stesso Stato italiano fornisce.

Basta un tesserino (Stp) e si ha la strada spianata nell'accesso alle prestazioni di una delle migliori sanità del mondo, soprattutto con un medico «di manica larga» o l'ausilio di associazioni di volontariato più o meno ideologicamente impegnate. E non si tratta solo di interventi urgenti o salvavita, come sarebbe comprensibile, e in linea con giuramenti e deontologia. Si va molto oltre «le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o essenziali», chiarisce il medico che decide di parlarne. Ne ha avuto diretta esperienza. E spiega di cosa sta parlando: «Per esempio una visita dal diabetologo per la glicemia, o le lastre al torace, o le cure dentarie».

«Protesi, occhiali e ogni ausilio medico gratis - aggiunge Riccardo De Corato, esponente di Fratelli d'Italia, già senatore, oggi assessore regionale in Lombardia - per non parlare della completa esenzione per l'acquisto di medicine». Il tesserino si chiama Stp (Straniero temporaneamente presente) e può essere chiesto «presso qualsiasi Asl». Di queste opportunità dà conto la prefettura di Roma: il tesserino è valido 6 mesi - informa sul suo sito - ma «rinnovabile». Si rivolge allo straniero irregolare: «Puoi anche chiedere che il tesserino sia rilasciato senza l'indicazione del tuo nome e cognome». Infine avverte: «L'accesso alle strutture sanitarie non può comportare alcun tipo di segnalazione alle pubbliche autorità. Tieni comunque presente che in alcuni casi (motivi di ordine pubblico o per altri gravi motivi) la pubblica autorità potrà ottenere il referto, come avviene anche con i cittadini italiani».

Veloci e potenzialmente universali le prestazioni: «Attraverso il Pronto soccorso è possibile accedere a ogni cura - spiega il medico -. L'emergenza urgenza acuta viene garantita a tutti, però qui si parla di prestazioni banali, rese a persone esplicitamente irregolari, mentre gli italiani se le pagano, o rinunciano dovendo scegliere se curare l'una o l'altra fra più patologie». «Queste persone hanno tutto - prosegue - e molti lo esigono, con arroganza, e in genere i medici concedono tutto, per non essere accusati di razzismo. Appuntamenti, attese brevi, ricette bianche, hanno capito tutto e sono imbeccati dalle associazioni di volontariato».

Il medico è «meravigliato», De Corato è indignato: «Mentre a Roma stanno decidendo quali tagli apportare alle Regioni - attacca - continua ad andare in onda l'elargizione di denaro pubblico». «La chiave di scasso si chiama Stp. È mai possibile che questo tesserino sanitario possa essere rinnovato sine die ed è lecito consigliare dal sito della Prefettura che il tesserino possa essere rilasciato senza l'indicazione del nome e cognome?». «Con le parole cure essenziali, continuità delle cure, ciclo riabilitativo completo oggi si passa tutto». «Il governo - conclude De Corato - prima di prendere la forbice e tagliare sulla sanità riveda il capitolo assistenza ai clandestini dettando regole più ferree alle Regioni. I cittadini italiani non possono pagare con le proprie tasche l'accoglienza forzata, e la Prefettura non può certo suggerire l'anonimato».

Commenti

Commenta anche tu