Il piano per la "pace fiscale" con tre scaglioni per l'Irpef

Il piano per la pace fiscale con tre scaglioni per l'Irpef
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Ottobre Ott 2018 13 ottobre 2018

Il sottosegretario Siri anticipa il provvedimento che sarà inserito nel Dl Fisco: "Non è condono per gli evasori"

Il governo prepara il decreto fiscale. Di fatto l'esecutivo sta limando il dorso della manovra che andrà a definire le nuove regole per i contribuenti e inserirà la "pace fiscale" che è stata annunciata nelle scorse settimane. Adesso il sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri, svela i tre scaglioni per i pagamenti: si tratta del 6%, del 10% e del 25%. Lo stesso Siri ha aggiunto che gli scaglioni cambieranno in base alla posizione patrimoniale e reddituale del contribuente che di fatto andrà a chiedere il trattamento che prevede appunto questa "scoriciatoia" per chiudere un contenzioso con il Fisco. Secondo il piano previsto dal governo ad esempio la aliquota del 6 per cento potrebbe essere riservata ai contribuenti monoreddito con un figlio minorenne a carico. Insomma la "pace fiscale" comincia a prendere forma. Ma soltanto lunedì si conosceranno in modo dettagliato i punti del Dl Fisco.

Siri poi avvisa i tecnici del governo che hanno parlato di un buco di bilancio per un'operaziones aldo e stralcio con la mossa della pace fiscale: "Un problema politico non c'è. Qualcuno dei tecnici ora dice che il saldo e stralcio crea un buco nel bilancio dello Stato, ma la si sta facendo più complicata di quella che è. Non ha nessun senso tenere a bilancio partite che sono come limoni secchi". A questo punto il sottosegretario spiega il piano del governo sul fronte fiscale: "La proposta della Lega è molto chiara e non abbiamo intenzione di fare passi indietro - ribadisce quindi - per noi è saldo e stralcio delle posizioni di chi non riesce a fare fronte ai pagamenti di Equitalia. Non vogliamo compromessi tecnici". Infine fissa dei paletti precisi: "La pace fiscale non è per gli evasori, ma per chi è in regola con la dichiarazione dei redditi e non ha risorse per pagare perché ha difficoltà economiche".

Tags

Commenti

Commenta anche tu