Migranti, il piano di Salvini per blindare i confini in mare

Migranti, il piano di Salvini per blindare i confini in mare
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Ottobre Ott 2018 13 ottobre 2018

Il Viminale prepara un decreto per dare una stretta sui controlli. Più poteri a polizia e Gdf. Ecco cosa può cambiare

Stretta sui controlli sui migranti che arrivano via mare in Italia. Di fatto il Viminale potrebbe dare più potei alla polizia e alle Fiamme Gialle per controllare le frontiere a Sud. Il piano del ministero è ragionato: intervenire adesso sui nuovi assetti per la sicurezza approfittando del calo degli sbarchi. L'obiettivo è chiaro: prevenire le infiltrazioni terroristiche tra i migranti. Tutte idee queste che sono state rese note dallo stesso Salvini al Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Il vertice, come ricorda il Messaggero, si è concluso con la definizione di una unità operativa che dovrà studiare nuove strategie per operare sul fronte della sicurezza con il flusso dei migranti.

Salvini punta anche a semplificare la linea di comando. La Guardia Costiera dipende dalle Infrastrutture e spesso in questi mesi ci sono stati approcci diversi sulle emergenze da parte di Toninelli e del titolare del Viminale. La strada è quella di creare procedure collaudate per intervenire in modo rapido sulle crisi in mare legate ai barconi con i migranti. Il Viminale prepara un piano anche per intensificare il controllo del mare con una sorveglianza capace di intercettare soprattutto i barchini che arrivano clandestinamente sulle nostre coste. Sono proprio gli sbarchi fantansa che preoccupano di più il ministro. Lì possono nascondersi più facilmente jihadisti che si fingono migranti...

Tags

Commenti

Commenta anche tu