La sinistra francese perde la sua cattedrale in Rue Solférino

La sinistra francese perde la sua cattedrale in Rue Solférino
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Ottobre Ott 2018 14 ottobre 2018

Parigi Il luogo simbolo della sinistra francese chiude e diventa specchio della realtà di un partito indebitato economicamente e al 4,5% nei sondaggi. Venerdì i socialisti hanno consegnato le chiavi della storica sede parigina, Rue Solférino, venduta per 45,5 milioni di euro a due passi dall'Assemblée e dal museo d'Orsay: 3.389 metri quadrati di ricordi. Qui il Ps ha vissuto le sue ore migliori: l'ascesa al potere il 10 maggio 1981, il secondo mandato di François Mitterrand, la vittoria del '97 quando la sinistra si presentò in formato «plurale» e il ritorno all'Eliseo nel 2012 con Hollande. Quel che resta del Ps trasloca nella valle della Marna al 99, rue Molière di Ivry-sur-Seine. Riparte dalla periferia sud della capitale puntando alle «radici popolari» e alla banlieue. L'ala gauche guidata da Emmanuel Morel annuncia intanto l'ennesima scissione e accusa Hollande: «Non voglio essere qui il giorno in cui il partito lo reinvestirà come candidato presidente». Lui: «Il mio ritorno? Ci posso pensare, ma meglio non dirlo...». FDR

Commenti

Commenta anche tu