Sprechi alimentari, il 71% degli italiani li hanno eliminati

Sprechi alimentari, il 71% degli italiani li hanno eliminati
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Ottobre Ott 2018 17 ottobre 2018

Gli sprechi alimentari calano sulla tavola degli italiani, ma il problema resta: ecco i dati e i consigli diffusi da Coldiretti per cercare di arginare il fenomeno

Gli sprechi alimentari vengono evitati da oltre 7 italiani su 10: il dato però, lungi dall’essere confortante, mette in evidenza come il fenomeno rimanga.

Nel corso della giornata mondiale dell’alimentazione promossa a livello internazionale dalla Fao, Coldiretti/Ixè ha rilasciato i dati relativi allo spreco sulla tavola del Belpaese. Stando a questi dati, il 71% degli italiani ricicla gli avanzi ma gli sprechi domestici rappresentano ancora il 54% del totale, ben superiori rispetto a quelli della ristorazione - che si attestano al 21% - della distribuzione commerciale - 15% - dell’agricoltura - 8% - e della trasformazione - 2%. L’equivalente in denaro è 16 milioni di euro, che vengono buttati direttamente nella pattumiera.

Il riciclo degli avanzi però resta qualcosa di atavico nelle tradizioni popolari degli italiani a tavola, che stanno riscoprendo una serie di tradizioni culinarie: dalla pasta al forno alle polpette, dalla parmigiana alla macedonia, passando per la frittata, la ribollita, i canederli e la pinza - piatti tipici regionali che tornano magicamente in auge come ricette svuota-frigo. Inoltre sono sempre più gli italiani che portano a casa gli avanzi dal ristorante o dalla pizzeria, per riscaldare tutto e consumarlo il giorno dopo.

Un buon consiglio per evitare gli sprechi, secondo Coldiretti, è leggere le etichette soprattutto per controllare la data di scadenza, organizzare il frigorifero al meglio - posizionando gli alimenti secondo il grado di refrigerazione richiesta - e soprattutto acquistare frutta e verdura direttamente dal produttore - un fenomeno, quello del chilometro zero che oggi sta coinvolgendo sempre di più anche la grande distribuzione.

Secondo Coldiretti, il problema degli sprechi alimentari è etico e determina effetti sul piano economico e ambientale. "Sono 2,7 milioni le persone che durante l'ultimo anno sono state costrette a chiedere aiuto per il cibo nelle mense dei poveri o con pacchi di auto alimentari - dicono da Coldiretti - In realtà sono appena 114mila quelli che si sono serviti delle mense dei poveri a fronte di 2,55 milioni che invece hanno accettato l'aiuto dei pacchi di cibo sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura. Tra le categorie più deboli degli indigenti si contano 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi 200mila anziani sopra i 65 anni e circa 100mila senza fissa dimora".

Tags

Commenti

Commenta anche tu