Il colore del cane è collegato alla sua aspettativa di vita

Il colore del cane è collegato alla sua aspettativa di vita
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
23 Ottobre Ott 2018 23 ottobre 2018

Una nuova ricerca australiana ha esaminato 33 mila cartelle cliniche veterinarie del Regno Unito dei Labrador e ha scoperto un legame tra il colore del mantello e l'aspettativa di vita e anche la possibilità di contrarre malattie gravi

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ogniqualvolta muore lascia una profonda tristezza dentro di noi. Non importa che sia dal pelo nero, bianco, rossiccio o di qualche altra sfumatura, ma l'aspetto che più conta per il padrone è che viva più a lungo possibile.

Oggi si scopre che non solo la taglia o la razza sono legate all'aspettativa di vita maggiore, ma anche il colore. Infatti, secondo una nuova ricerca il colore dei cani potrebbe essere strettamente connesso con la loro longevità e con la possibilità di sviluppare malattie gravi. Per ora la ricerca si è concentrata su una particolare razza, ovvero il Labrador. Il team di scienziati dell'Università di Sidney ha analizzato 33.000 cartelle cliniche veterinarie del Regno Unito e ha riscintrato che i Labrador dal colore marrone avevano maggiori incidenza di problematiche riguardanti le orecchie e la pelle.

Il colore influisce sulla loro longevità; infatti, l'età media dei Labrador di altri colori era di 12,1 anni, oltre il 10% in più rispetto a quelli con il manto color cioccolato, fermi a 10,7 anni. Il professor Paul McGreevey, che ha guidato lo studio, ha riferito: "Le relazioni tra colore del mantello e malattie possono riflettere una conseguenza involontaria di alcune pigmentazioni. Poiché il color cioccolato è recessivo nei cani, il gene per questo colore deve essere presente in entrambi i genitori affinché i loro cuccioli nascano così. Gli allevatori che mirano a questo colore potrebbero quindi essere più propensi ad allevare solo Labrador portatori del gene riguardante quel colore stesso." Inoltre, da quanto si è potuto studiare, tra i Labrador, le condizioni di salute più comuni riguardavano l'obesità, le infezioni dell'orecchio e le articolazioni. A tal proposito, sempre il professor McGreevey ha detto che l'8,8% dei labrador esaminati sono in sovrappeso o addirittura obesi e questo dato è tra i più alti se rapportato alle altre razze canine.

La ricerca sul legame tra il colore del loro mantello e il rischio di morte o di contrarre malattie verrà replicata in Australia per verificare se si presenteranno gli stessi risultati e, in seguito, questa ricerca verrà estesa a tutte le altre razze. Un aspetto importante di questa analisi è che i proprietari, d'ora in poi, potranno prestare maggiore attenzione e sottoporre a controlli mirati a seconda della razza. Dunque, come si è visto, i Labrador sono tra le razze più longeve di taglia grande, mentre, tra i cani di piccola taglia, la lista di razze che possono vivere più a lungo è molto più corposa e vede annoverati tra i primi i Chihuahua che vivono fino a circa 18 anni, gli Yorkshire con una media di circa 14-16 anni e i Carlini che possono arrivare anche all'età di 16 anni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu