Sudafrica, stuprata e uccisa: "Offrì sesso per avere salva la vita"

Sudafrica, stuprata e uccisa: Offrì sesso per avere salva la vita
25 Ottobre Ott 2018 24 giorni fa

Geraldo Parsons, uno dei quattro criminali, ha confessato e ha rivelato i macabri dettagli della violenza in un sobborgo vicino Città del Capo

Hannah Cornelius è stata prima violentata e poi uccisa nel maggio del 2017 nella periferia di Città del Capo, in Sudafrica. I quattro membri della banda criminale che l'hanno seviziata sono stati arrestati da tempo. Ma in questi giorni sono usciti particolari raccapriccianti della sua morte. Geraldo Parsons, uno dei quattro imputati per l'omicidio, ha confessato però solo in questi giorni. E ha rivelato che la 21enne sudafricana ha offerto sesso ai suoi aguzzini, in un estremo tentativo di avere salva la vita.

I quattro criminali, invece, non solo l'hanno violentata ripetutamente, ma l'hanno anche uccisa spaccandole la testa con un pesante masso. Hannah era stata sequestrata dalla gang mentre stava cercando di aiutare un suo amico. Il ragazzo, dopo essere stato picchiato selvaggiamente dai malviventi, è stato lasciato in fin di vita sul ciglio della strada. La ragazza, invece, è stata portata nel sobborgo di Stellenbosch, dove è avvenuto l'orrendo delitto.

Tags

Commenti

Commenta anche tu