Crozza annienta Di Maio. Svelata l'ipocrisia grillina

Crozza annienta Di Maio. Svelata l'ipocrisia grillina
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
28 Ottobre Ott 2018 28 ottobre 2018

Crozza prende in giro Di Maio e palesa tutta l'ipocrisia dei grillini, in particolare l'alleanza con la Lega

Dove vuole andare Luigi Di Maio? Forse non lo sa nemmeno lui. E così Maurizio Crozza ha deciso di mostrare (e dimostrare) tutte le sue contraddizioni. Congiuntivi sbagliati inclusi. Voce fuori campo: "Lei disse che si sarebbe iscritto al Pd". E il finto vicepremier: "O' dissi proprio che non avessi mai firmato. Testuali parole? Evidentemente questa è una frase detta da una manina lasciata dai governi Cinque Stelle che ci hanno preceduti". Ma l'intervistatore lo mette con le spalle al muro: "No, no, no. Lo ha detto proprio lei".E lui, arrampicandosi sugli specchi: "Sì, ma era un'eredità lasciata dai Di Maio precedenti". Ma il finto di Maio non si arrende e rilancia: "Allora domani vado in procura e denuncio tutto".

Poi il grande capitolo dell'alleanza con la Lega. I grillini, infatti, avevano promesso che non avrebbero mai formato un governo con il partito di Matteo Salvini, soprattutto per le offese leghiste al sud, ma così non è stato. E il Crozza-Di Maio: "Se lei si riferisce a un Vesuvio che ci ha preceduto, era un Vesuvio che prima inceneriva e poi lavava. Domani vado in procura a denunciare il Vesuvio".

E ancora la voce fuori campo rilancia: "Voi urlate onestà, onestà. Ma non avete l'onestà intellettuale di dire che avete cambiato idea". E il finto vicepremier: "Allora, se trova uno straccio di prova in cui dico niente condono di Ischia, niente alleanza con la Lega, niente condono fiscale, allora io mi mangio questo microfono e vado da solo a denunciarmi in procura".

Commenti

Commenta anche tu