Strategie per contrastare la voglia di dolci

Strategie per contrastare la voglia di dolci
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
30 Ottobre Ott 2018 30 ottobre 2018

La voglia di “qualcosa di buono e di dolce” è spinta non dalla fame ma da un bisogno psicologico. Attraverso "qualcosa di dolce" ci coccoliamo, plachiamo l’ansia e la tristezza. Consumare troppi dolci fa male. Ecco le strategie per contrastare questa cattiva abitudine

La fame emotiva o voglia di dolci è un comportamento alimentare che ci spinge ad utilizzare il cibo “sfogo” o fonte di consolazione. Alla base della fame emotiva non c’è il bisogno di nutrirsi, di soddisfare un bisogno fisiologico ma, vi è un’esigenza psicologica.

Il cibo diventa il mezzo attraverso il quale ci auto-consoliamo. Attraverso esso ci concediamo un appagamento per placare la noia, l’ansia e tutto ciò che di negativo viviamo durante la giornata. I cibi che si prendono maggiormente di mira sono quelli zuccherati. Sono i dolci come brioche, barrette di cioccolato, merendine, con le quali ci si calma, ci si rilassa, ci si “coccola”.

Lo zucchero ci fa sentire subito su col morale, placa i momenti di tristezza e l’ansia ma mette dipendenza. Più si consumano cibi dolci e più l’organismo li richiede. La voglia di dolci diventa pericolosa quando ci coglie la sera . Lo zucchero appesantisce l’organismo, rallenta la digestione e rende il sonno agitato. Di sera viene assimilato maggiormente sul girovita mandando all’aria tutti i sacrifici della dieta.

Ecco le 7 strategie per contrastare efficacemente la voglia di dolci:

1) Mangiare ad intervalli regolari: bisogna consumare tre pasti regolari e concedersi due spuntini giornalieri (uno a metà mattinata e l’altro a metà pomeriggio) per non arrivare super affamati a fine giornata quando la voglia di dolce è maggiormente in agguato;

2) Sì ai cibi ricchi di fibre: privilegiare durante i pasti il consumo di cibi ricchi di fibre che fanno sentire di più il senso di sazietà. Vi consigliamo il consumo giornaliero di riso integrale, cereali, quinoa, curcuma, verdure a foglia verde, ortaggi come zucca e patate;

3) Bere succo di limone: due cucchiai di succo di limone al giorno, anche diluiti in una bottiglietta di acqua minerale, riducono la voglia di “qualcosa di buono”. Aiutano la digestione oltre a depurare l’organismo;

4) Consumare cibi aspri: quando si è alla ricerca di qualcosa di zuccheroso, la cosa migliore è mangiare cibi aspri come crauti, cavoli di Bruxelles, smoothies di verdure;

5) Integrare i fermenti lattici: consumare probiotici o kefir regolarizzano la presenza dei batteri. Una volta ridotti nell’organismo non ci fanno sentire l’esigenza di apportare zuccheri;

6) Ridurre le fonti di stress: si può placare l’ansia e l’irritabilità praticando yoga e meditazione. Sono discipline che consentono di raggiungere un certo equilibrio interiore e una maggiore gestione delle emozioni negative;

7) Dormire regolarmente: molti studi scientifici dimostrano che la sonnolenza diurna è strettamente legata con la voglia di zuccheri. Concedersi pisolini quotidiani permette di rigenerarsi ed essere più produttivi, efficienti e soddisfatti.

Tags

Commenti

Commenta anche tu