Una nuova querela per Saviano. Sangiuliano lo porta in tribunale

Una nuova querela per Saviano. Sangiuliano lo porta in tribunale
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
2 Novembre Nov 2018 02 novembre 2018

Il direttore del Tg2 querela lo scrittore: "Non replico, ma parleranno le querele e gli atti giudiziari"

Si mette male per Roberto Saviano. Dopo esser stato querelato da Matteo Salvini - che lui continua a definire "ministro della malavita" - ecco che arriva un'altra querela. Questa volta, però, dal nuovo direttore di Tg2, Gennaro Sangiuliano.

Tutto inzia quando lo scrittore, a nomine ufficializzate, posta questo messaggio su Facebook: "Gennaro Sangiuliano direttore del Tg2, peggio non si poteva. Sangiuliano, caso esemplare: nominato vicedirettore del Tg1 con Silvio Berlusconi e promosso direttore con il Governo del Cambiamento". Poi la pesante accusa ai governi precedenti e ai politici del centrodestra: "Noi campani lo ricordiamo bene Sangiuliano, galoppino di Mario Landolfi, Italo Bocchino, Nicola Cosentino, Amedeo Laboccetta. Noi campani sappiamo bene che tutto questo è ammissibile solo in un’ottica di spartizione, non certo di alleanza, né di applicazione del contratto di governo".

Poi l'affondo finale contro Sangiuliano: "Solo in una spartizione si può giungere a un tale livello di cinismo. E adesso Sangiuliano diventa addirittura direttore del Tg2, direttore in quota Lega. E a chi dice che la Lega non è più antimeridionale rispondo: ma non vedete come, con l’avallo del M5S, continua la triste tradizione di valorizzare il peggio della cultura, della politica (Giuseppina Castiello sottosegretario del Sud è una nomina che grida vendetta) e dell’economia nel Mezzogiorno d’Italia? Con il Governo del Cambiamento, al Sud, la società incivile non perde posizioni, anzi...".

E la risposta di Sangiuliano non si è fatta attendere: "Non replico, ma parleranno le querele e gli atti giudiziari".

Commenti

Commenta anche tu