Amazon sull'Adda per i clienti Prime

Amazon sull'Adda per i clienti Prime
6 Novembre Nov 2018 9 giorni fa

Pacchi sempre più veloci e 400 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato

Cinquecentomila addetti nel mondo, cinquemila solo in Italia e 300 milioni di clienti attivi. Questa è Amazon che ieri, nel nostro paese, ha inaugurato l'ennesimo centro di logistica. Quello situato a Casirate d'Adda, in provincia di Bergamo, si sviluppa su una superficie di 34mila metri quadri e permetterà la creazione di 400 nuovi posti di lavoro entro i prossimi tre anni. In realtà questo centro non è un magazzino ma si occupa solo dello smistamento dei pacchi che provengono dagli altri magazzini ossia quello di Roma e quello di Piacenza. Tutto per rispettare la promessa fatta agli utenti di Amazon Prime, ossia di ottenere la merce desiderata in 24 ore. Insomma l'abbonamento, che costa 36 euro all'anno o 4,99 al mese, consente di ottenere una corsia preferenziale di spedizione, oltre ovviamente a includere nello stesso pacchetto l'abbonamento a Prime Video, alla musica e ai libri. E il totale di prodotti spediti con Prime, nel mondo, si aggira sui 5 miliardi all'anno. Viste le premesse non stupisce che Amazon negli Usa abbia piegato concorrenti come WalMart , il gigante della grande distribuzione «fisica». Quanto all'Italia l'inaugurazione del nuovo sito di Casirate è un ulteriore passo alla crescita nel nostro paese. Lo ha sottolineato Tareq Rajjal responsabile Amazon Trasportation per il Sud Europa. «Amazon - ha detto - ha creato i primi posti di lavoro otto anni fa. Nel 2017 abbiamo creato mille posti di lavoro a tempo indeterminato, e, alla fine del 2018 il totale dei nuovi assunti arriverà a 1700 arrivando a un totale di 5.200 dipendenti». Ma il polo di Casirate d'Adda che si trova vicino alla Brebemi, secondo Tareq Rajjal, sarà importante anche per l'economia locali. In Italia, Amazon, ritiene di aver creato indirettamente circa 10mila posti di lavoro visto che molte aziende sono nate per vendere i loro prodotti quasi esclusivamente grazie al canale creato dal gigante dell'e-commerce. Tutto bene dunque? I detrattori sostengono che la società fondata nel 1994 da Jeff Bezos abbia tolto posti di lavoro al commercio fatto di negozi e centri commerciali. Certo il mercato retail è in una fase di transizione anche sul fronte del lavoro e quindi bisognerà vedere quale sarà il risultato finale. Amazon intanto, più volte accusata di sfruttamento dei lavoratori, cerca di correggere il tiro anche con piccoli benefit come caffè, bevande calde e acqua gratis ai dipendenti. Intanto negli Usa, per far fronte al previsto calo delle vendite, Amazon ha annunciato che, per tutto il periodo natalizio, le consegne saranno gratuite, anche per chi non ha Prime, senza alcun importo minimo di acquisto. Inoltre la società starebbe per scegliere la sede del suo secondo quartiere generale nella contea di Arlington, in Virginia.

Commenti

Commenta anche tu