Seminano il terrore ai Parioli: cinque arresti a Roma

Seminano il terrore ai Parioli: cinque arresti a Roma
8 Novembre Nov 2018 7 giorni fa

Cinque ragazzi avevano preso a terrorizzare chiunque si avventurasse ai Parioli di notte e volesse passare del tempo con gli amici radunati magari a bere qualcosa in piazza

La vita notturna della Roma bene è stata per mesi sotto lo scacco di cinque ragazzi che avevano preso a seminare il terrore nel quartiere Parioli dove si radunavano tanti giovani a bere qualcosa in piazza

Sono stati sorpresi dagli uomini della Polizia cinque ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 20 anni, che avevano iniziato a terrorizzare gli avventori della vita notturna dei Parioli. Piazza Euclide, fulcro della movida romana, aveva attirato su di sé le lamentele dei residenti che a causa del fortissimo baccano non riuscivano più a dormire. La risposta del Commissariato di Villa Glori è stata quella di rafforzare i controlli dei poliziotti, controlli che hanno portato all'arresto di cinque ragazzi che spesso movimentavano in maniera negativa la movida romana. Infatti, i cinque spesso si trovavano a rivaleggiare tra di loro riuscendo a coinvolgere anche altri ragazzi e facendo sfociare in pericolosissime risse le serate che dovevano invece essere goliardiche.

Ci sono stati cinque episodi segnati dai poliziotti che hanno ricostruito le vicende, in tutti gli episodi le vittime spesso si trovavano loro malgrado in mezzo alle scazzottate e hanno riportato traumi facciali o mandibole rotte. I poliziotti hanno seguito i giovani anche sui social network, che spesso venivano utilizzati dagli stessi per vantarsi delle loro prodezze e dei loro gesti spregiudicati. Bottiglie di vetro e altri oggetti contundenti erano usati dai ragazzi, si apprende da Roma Today. Gli agenti si sono trovati quindi davanti a un vero e proprio fenomeno che, soltanto grazie alle approfondite indagini e alla presenza sul territorio, sono riusciti a smorzare prima che esplodesse e diventasse una pericolosa usanza di Piazza Euclide.

Tags

Commenti

Commenta anche tu