Incenzo canta il «sociale» prodotto da Renato Zero

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Novembre Nov 2018 10 novembre 2018

Giulia Cherchi

Il suo nome non sarà famosissimo, ma se leggiamo il suo curriculum troviamo, oltre ai libri e ai celebri musical, alcuni dei pezzi più belli della storia della musica italiana: Vincenzo Incenzo è un autore che ha scritto per Michele Zarrillo, Al Bano, Lucio Dalla, Renato Zero. E proprio Renato Zero ha prodotto Credo, il primo album di Vincenzo Incenzo. Con voce dolce e sussurrata canta l'amore, semplice e profondo, ma anche la fredda realtà: non si adagia quindi su nuvole di romanticismo. Affronta il mondo e lo mette in discussione. Perché le canzoni possono fare cultura, pensiero, opinione: «la canzone può tornare ad avere un ruolo sociale, come è stato in altre stagioni e non essere soltanto accessorio del nostro tempo libero», afferma Incenzo. Nei suoi testi Incenzo ci parla di pensiero unico, finanziato e spesso importato, che imprigiona e spinge verso un lento regredire di gusto e conoscenza. E poi c'è la società, vuota di patria e famiglia, che dovrebbe guardare al passato, perché ormai «niente ci assomiglia». Credo è un disco intriso di valori e delusioni, che passa dal battito d'ali di una farfalla al terremoto sociale.

Commenti

Commenta anche tu