La profezia (inascoltata) di Einstein: "Cosa arriverà tra poco..."

La profezia (inascoltata) di Einstein: Cosa arriverà tra poco...
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Novembre Nov 2018 10 novembre 2018

In una lettera del 1922 Einstein scriveva alla sorella Maya: "Qui si stanno preparando tempi bui, politicamente ed economicamente. Io me ne vado"

Parole inascoltate. Parole che pesano come macigni. Era l'agosto del 1922 e il nazionalsocialismo non esisteva ancora. Ma Albert Einstein aveva già compreso quello che di lì a poco sarebbe avvenuto. In una lettera, fino ad oggi inedita, scriveva infatti alla sorella Maya: "Qui si stanno preparando tempi bui, politicamente ed economicamente, ed io sono felice di andarmene via da tutto per un anno e mezzo". E ancora: "Nessuno sa dove mi trovo e pensano che io sia scomparso... Sto abbastanza bene, nonostante gli antisemiti tra i colleghi tedeschi".

La lettera, come riporta Repubblica, "fu scritta dopo l'assassinio da parte di nazionalisti tedeschi del ministro degli esteri Walter Rathenau, ebreo come Einstein, e dopo che la polizia aveva avvisato lo scienziato che, come amico di Rathenau, anche lui era in grave pericolo".

Per oltre 90 anni non si è saputo nulla di questa lettera. Ma ora la casa Kedem ha annunciato la sua esistenza e il manoscritto verrà venduto all'asta la prossima settimana a 12mila dollari. Un pezzo di storia fondamentale. Che mostra la lungimiranza del premio Nobel.

Tags

Commenti

Commenta anche tu