Omicidio Yara, Bossetti chiede il trasferimento al carcere di Bollate

Omicidio Yara, Bossetti chiede il trasferimento al carcere di Bollate
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Novembre Nov 2018 10 novembre 2018

Dopo la conferma dell'ergastolo, il carpentiere di Mapello aveva chiesto di essere trasferito: "Per non impazzire, chiedo di andare dove posso lavorare"

Massimo Bossetti ha chiesto il trasferimento a Bollate per poter lavorare. L'uomo, condannato in via definitiva all'ergastolo per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio, ha chiesto di lasciare il carcere di Bergamo per quello milanese. A confermare la richiesta è stato l'avvocato Claudio Salvagni.

Ora l'istanza è all'esame del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) e del Tribunale di Sorveglianza di Brescia. "Per la decisione serviranno alcune settimane - ha spiegato l'avvocato Salvagni -. A Bollate potrebbe lavorare, cosa che a Bergamo non è possibile".

Era stato lo stesso Bossetti, subito dopo la sentenza della Cassazione che ne aveva confermato la condanna all'ergastolo, a avanzare la proposta: "Vorrei essere trasferito in un penitenziario in cui poter lavorare, ormai non mi resta più nulla, tranne il pensiero dei miei figli e della mia famiglia, per non impazzire chiedo di poter essere utile a qualcosa, di poter lavorare".

Tags

Commenti

Commenta anche tu