Low cost, le tasse nascoste delle compagnie aeree

Low cost, le tasse nascoste delle compagnie aeree
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
19 Novembre Nov 2018 29 giorni fa

Quali sono tasse e costi aggiuntivi che potremmo incontrare quando acquistiamo un volo low cost: ecco un breve memorandum per non incappare in sorprese

I voli low cost sono davvero così a basso prezzo? A volte i biglietti aerei presentano delle tasse e dei costi aggiuntivi, che sfuggono a una prima occhiata veloce e superficiale dell’acquirente. Così Il Sole 24 ore ha raccolto le 6 tasse che vengono imposte da Ryanair, Easyjet, Wizz Air e le altre compagnie aeree low cost.

La prima di queste è il check in a pagamento, che può costare fino a 55 euro: in realtà, spesso il check in è gratuito e online per le compagnie low cost, ma Ryanair ha accorciato i tempi per poterlo effettuare e in questo modo si dovrà procedere in aeroporto e a pagamento, se ci si dimentica o non si riesce a farlo online. Senza tralasciare che, se si stampa la carta di imbarco e la si dimentica a casa, si dovranno corrispondere altri 15 euro per essere in regola. Wizz Air ha delle norme simili per il check in, ma non Easyjet, che dà la possibilità di eseguirlo online a partire da un mese a due ore prima dell’imbarco.

Le compagnie low cost, inoltre, non perdonano i refusi: se si sbaglia a scrivere il nome quando si prenota, si può correggere entro 24 ore con Ryanair, altrimenti si pagano tra i 115 e i 160 euro. Con Wizz Air la correzione costa 45 euro, a meno che non coinvolga meno di 3 caratteri, interessi il cambio di genere oppure estenda il nome abbreviato. Easyjet è invece più elastica con i refusi, ma se si deve cambiare il nominativo, si pagano dai 20 ai 52 euro in base alla distanza temporale dal volo o il mezzo con cui si effettua la modifica - se online o attraverso call center.

C’è poi la questione dei bagagli sovrappeso. Ryanair ha da poco cambiato le regole, consentendo il trasporto gratuito solo di una piccola borsa, mentre il bagaglio a mano costa ora tra i 6 e gli 8 euro. Restano in vigore i bagagli a pagamento, con costi aggiuntivi di 11 euro al chilo allo sforamento del peso consentito. Wizz Air presenta delle regole molto simili - anche se per il costo per i bagagli da imbarcare variano in base alla stagione - e invece Ryanair consente il bagaglio a mano senza limiti di peso. Con le valigie il discorso cambia: se si sfora, si paga un’aggiunta di 13 euro al chilo.

Quando si deve cambiare o cancellare volo, Ryanair non permette quest’ultima possibilità, ma solo il cambio di ora e giorno, con aggiunte fino a 95 euro. Easyjet permette invece la cancellazione e rimborsa i costi meno le tasse e aggiunge una penale che va dai 35 ai 40 euro, analogamente a Wizz Air. Quest’ultima compagnia prevede però dei biglietti che consentano soluzioni alternative - come conservare una sorta di credito da utilizzare nei 90 giorni successivi al volo cancellato.

Tra i costi più elevati dal solito ci sono anche cibi e bevande, ma anche l’utilizzo di carte di credito può costare all’utente 1,2% in più quando si acquistano i biglietti di Ryanair.

Tags

Commenti

Commenta anche tu