Illusione multitasking. L’importante è crederci e si fa tutto

Illusione multitasking. L’importante è crederci e si fa tutto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
20 Novembre Nov 2018 23 giorni fa

Lo assicura uno studio del Michigan

Il multitasking non è poi così difficile. Basta auto convincersi di riuscire a portare a termine tutto e il gioco è fatto. Svolgere ogni compito bene è spesso messo in crisi dal nostro timore di non riuscire a portare a termine ogni attività che ci siamo prefissati. Problema che sembra risolto grazie a uno studio condotto dall’Università del Michigan e pubblicato sulla rivista Psychological Sciences. Shalena Srna, coautrice della ricerca, ha spiegato che “il multitasking è spesso una questione di percezione o può anche essere immaginato come un’illusione. Indipendentemente dal fatto che le persone svolgano una o più attività, farle percepire come più di una è vantaggioso per le prestazioni”. L’essere umano non sarebbe quindi in grado di fare più cose contemporaneamente, anche se abbiamo l’illusione di poterlo fare. In realtà stiamo solo passando da un’azione all’altra.

Anche partecipare a una riunione di lavoro vuol dire praticamente svolgere due compiti, quello di ascoltare e quello di prendere appunti. Durante uno studio sono stati presi in esame 162 soggetti, ai quali è stato chiesto di visionare e trascrivere un video della rete televisiva Animal Planet. Metà delle persone coinvolte era convinta di dover svolgere un solo compito comprensivo di apprendimento e scrittura. Gli altri di dover invece assolvere due richieste differenti. Entrambi i gruppi hanno portato a casa il risultato, anche se in modo diverso. Coloro che erano convinti di essere multitasking sono riusciti a scrivere più velocemente e hanno raggiunto punteggi maggiori rispetto agli altri partecipanti. Un simile risultato è stato riscontrato anche in alcuni cruciverba online. Secondo gli esperti anche solo l’idea di essere multitasking, e quindi autoconvincersi di questo, migliora le nostre prestazioni. E forse il motivo è proprio che ci sentiamo maggiormente coinvolti nello svolgimento del compito richiesto.

Tags

Commenti

Commenta anche tu