In strada con mazza da baseball e cazzottiera, minori nei guai

In strada con mazza da baseball e cazzottiera, minori nei guai
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
26 Novembre Nov 2018 26 novembre 2018

L'intervento della polizia evita una rissa in centro a Portici, in provincia di Napoli. Gli agenti scoprono due ragazzini e li denunciano per possesso di armi improprie

In giro con la mazza da baseball e la cazzottiera, finiscono nei guai due minorenni a Portici, in provincia di Napoli. I giovanissimi sono stati denunciati a piede libero e riaffidati ai genitori dopo che gli agenti li hanno scoperti in possesso di quelle armi improprie.

Tutto è iniziato sabato scorso intorno alle 21, nel centro del comune dell’hinterland vesuviano. I poliziotti sono arrivati a dar manforte agli agenti della polizia locale che erano intervenuti a dividere due gruppi di ragazzini pronti a dar vita a una rissa. Grazie all’intervento dei tutori dell'ordine la situazione non è degenerata e, presto, tutto è tornato alla normalità. Però gli agenti, questa volta, avevano intenzione di andare fino in fondo alla questione.

Così hanno ricostruito quanto era avvenuto prima e dopo il loro arrivo. I due gruppi di ragazzi che si affrontano, uno di loro, che indossava una felpa bianca, armato con una pesante mazza da baseball e accompagnato da un altro giovanissimo, che si dà alla fuga in una delle strade del centro.

I poliziotti hanno seguito il ragazzo con la felpa bianca e l’amico, scoprendo che, dopo una breve corsa, avevano tentato di liberarsi della mazza e di una noccoliera lasciandole in strada non appena avevano visto la luce dei lampeggianti delle loro auto di servizio.

Gli agenti, però, hanno fatto saltare il loro proposito di sparire e sbarazzarsi delle armi e, insieme, dei guai che ne sarebbero venuti.

I due, bloccati e condotti in commissariato, sono stati denunciati poi per detenzione di arma impropria. Quindi, dopo le formalità di rito, affidati alle famiglie.

Tags

Commenti

Commenta anche tu