In Svizzera si possono conservare in «banca»

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
29 Novembre Nov 2018 20 giorni fa

L'Italia consente di congelare solo il cordone ombelicale per scopi medici e non estetici

In Italia la conservazione delle cellule staminali per uso estetico, a differenza di quanto avviene per il cordone ombelicale utilizzato in ambito terapeutico, non è possibile. Nel nostro Paese, come negli altri aderenti all'Unione europea, banche di questo tipo non esistono. Diversamente da quanto accade in Svizzera, dove invece strutture di questo tipo sono presenti da tempo e per questo attirano migliaia di persone da tutto il continente. Fra queste c'è l'Academia day Ccinic di Chiasso nella quale è possibile sottoporsi a interventi estetici utilizzando le cellule staminali precedentemente prelevate e conservate dagli specialisti.

«Esiste una differenza normativa fra la Svizzera e l'Ue spiega il direttore Eugenio Gandolfi -. Secondo le norme fissate dall'Unione europea, se il tessuto adiposo viene prelevato, mandato in laboratorio, sottoposto a un lavaggio e manipolato per estrarre le staminali diventa un farmaco. E per questo necessita di un iter estremamente complesso. Nella Confederazione elvetica, invece, viene considerato come un trapianto di tessuto. E per questo l'iter è meno complicato, a patto che le staminali del tessuto adiposo siano iniettate in un tessuto della stessa natura».

Una volta prelevate, le staminali possono essere conservate per trent'anni con un doppio scopo. «Vengono depositate nell'apposita banca per uso estetico, una cosa già possibile prosegue il medico -. In questo caso restano a disposizione del chirurgo che può utilizzarle, all'occorrenza, per le iniezioni richieste dal paziente. Attualmente possono essere conservate anche per curare alcune malattie».

Per sottoporsi a un prelievo non esiste un'età specifica. «Normalmente i pazienti hanno fra 30 e 50 anni, ma è possibile prenderle anche da persone di 60 anni prosegue -. Per eseguire questa tecnica abbiamo una convenzione con l'ospedale di Lugano, al cui interno è presente il principale laboratorio di staminali del Ticino. Il grasso viene prelevato, viene manipolato per estrarre le cellule che, successivamente, vengono portate in questa sorta di banca per la loro conservazione». In questo modo i trattamenti estetici vengono eseguiti utilizzando unicamente le cellule staminali.

«Le iniezioni sottocute sono in grado di ringiovanire la pelle praticamente senza effetti collaterali conclude il direttore -. Il costo della conservazione è variabile, generalmente oscilla fra tre e seimila euro nei quali è compresa anche la prima iniezione. L'interesse sta crescendo molto, ormai abbiamo pazienti in arrivo da tutto il mondo».

Duv

Commenti

Commenta anche tu