Rubano il distributore di ticket dell'Asl, un arresto

Rubano il distributore di ticket dell'Asl, un arresto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
29 Novembre Nov 2018 29 novembre 2018

In tre si appropriano dell'erogatrice e tentano di scassinarla, l'intervento dei poliziotti manda il colpo a monte. In manette un 47enne

Rubano una macchina automatica per i ticket all’Asl poi la scassinano e arraffano il denaro contenuto. Ma i poliziotti mandano a monte il colpo arrestando uno dei tre.

L’episodio è accaduto ad Afragola, in provincia di Napoli. Ma tutto è iniziato nella vicina città di Cardito dove i tre sono riusciti ad impossessarsi di un'erogatrice di ticket sanitari che era stata installata presso i locali dell’Asl di Napoli Nord. La notizia del furto è subito arrivata alla Sala Operativa che ha incaricato i poliziotti di intervenire e di indagare. Chi aveva agito lo aveva fatto con grande perizia. La serratura del cancello era stata letteralmente staccata, le porte d’ingresso forzate e i vetri infranti. Per eludere i sensori dell’allarme, i ladri avevano utilizzato dello scotch.

I controlli hanno dato frutti subito, dopo il loro intervento. Ad Afragola, infatti, i poliziotti hanno intercettato un gruppo di tre persone intente a scassinare la macchina. C’erano riusciti e stavano mettendo le mani sulle banconote che erano contenute nel dispositivo quando gli agenti hanno intimato loro di fermarsi. I tre, lungi dal consegnarsi, hanno scavalcato un muro di cinta e si sono dati alla fuga nelle campagne.

Così i poliziotti si sono lanciati all’inseguimento e sono riusciti a fermare uno dei ladri. Si tratta di un 47enne del posto, già noto alle forze dell’ordine. Dalle perquisizioni è emerso che nella fascia scaldacollo, l’uomo aveva nascosto la somma di 180 euro. Per lui, dopo le formalità di caso, è scattata la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

La macchina rubata e il denaro sono stati restituiti ai dirigenti dell’Asl locale mentre è stato posto sotto sequestro un furgone, trovato nelle immediate vicinanze del luogo dove i tre erano stati scoperti ad “armeggiare” con il distributore di ticket. Secondo gli investigatori, il mezzo sarebbe stato utilizzato per trasferire la macchina dall’Asl al posto scelto per scassinarlo in pace.

Intanto proseguono le indagini: i poliziotti vogliono dare un volto ai due complici del 47enne.

Tags

Commenti

Commenta anche tu