Montella punge Gattuso: "Non l'ho mai sentito, ha toccato le mie competenze"

Montella punge Gattuso: Non l'ho mai sentito, ha toccato le mie competenze
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
5 Dicembre Dic 2018 11 giorni fa

L'ex allenatore del Milan Montella è entrato in tackle sul suo collega Gattuso: "Non ci siamo mai sentiti. Ho solo voluto dirgli che stava sbagliando a insistere sulla preparazione atletica nelle sue interviste, si stava esagerando su un aspetto che mi tocca profondamente"

Vincenzo Montella sta vivendo uno dei momenti più duri della sua carriera. Dopo gli esoneri subiti dal Milan e dal Siviglia, infatti, il tecnico di Pomigliano d'Arco è ancora senza una squadra ma ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa nei confronti del club rossonero: "Rimpianto per il mio esonero? No. Il mio errore più grave fu assecondare la società nel modo di rivolgersi alla gente: si crearono aspettative enormi. O comunque troppo grandi per una squadra che partiva con undici giocatori nuovi, molti senza una storia da Champions League. Dovevamo tenere un profilo molto più basso. Mi è rimasta la sensazione di un lavoro incompiuto: avremmo potuto crescere insieme e invece non c’è stato il tempo".

Montella ha poi parlato della scelta di dare la fascia di capitano a Bonucci: "Gliel’aveva promessa la società. Io lo chiamai al telefono e gli dissi che si può essere leader anche senza fascia. La società mi costrinse a scegliere un giocatore del nuovo corso, e poteva anche essere giusto. Pensai a Leo e Biglia, che non fu proprio entusiasta dell’idea". L'ex tecnico di Roma, Catania e Fiorentina ha poi riservato una stoccata al suo collega Gattuso: "Non ci siamo mai sentiti. Ho solo voluto dirgli che stava sbagliando a insistere sulla preparazione atletica nelle sue interviste, si stava esagerando su un aspetto che mi tocca profondamente. Lui sta facendo bene ma non è giusto toccare le mie competenze. Ho cinque-sei anni di esperienza in più di Serie A, penso di avere conoscenze maggiori di chi dice certe cose: dati alla mano sfido chiunque in un confronto pubblico sul tema. Un conto è quanto corri, un altro l’intensità che ci metti".

Tags

Commenti

Commenta anche tu