Balotelli attacca i tifosi del Milan: "Siete degli irriconoscenti"

Balotelli attacca i tifosi del Milan: Siete degli irriconoscenti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
6 Dicembre Dic 2018 12 giorni fa

Mario Balotelli ha attaccato pesantemente i tifosi del Milan su Instagram: "Bello notare come molti di loro non gradirebbero un mio ritorno. Questo l'ho scritto solo per far notare la non riconoscenza ed il non rispetto di un popolo che sarà sempre e comunque nel mio cuore”

Mario Balotelli è stato molto precoce dato che Roberto Mancini l'ha fatto esordire molto presto in Serie A con la maglia dell'Inter. Supermario ha fatto la sua parte anche nella conquista della Champions League conquistata dai nerazzurri nel 2010 con i tifosi della Beneamata che non gli hanno mai perdonato il fatto di aver gettato la maglia dell'Inter per terra, al termine della semifinale d'andata contro il Barcellona, e anche di alcune sue dichiarazioni pro Milan, essendo da sempre un grandissimo tifoso rossonero. Balotelli lasciò l'Italia e l'Inter nel 2010 per andare al City ma nel gennaio del 2013 tornò in Serie A e proprio al Milan scatenando la gioia dei tifosi rossoneri e la rabbia di quelli nerazzurri.

Balotelli, con la maglia del Milan, ha chiuso con 77 gare all’attivo condite da 33 gol ma questo non è bastato per farlo diventare un punto fermo del club di via Aldo Rossi che nel 2016 ha deciso di privarsene per la seconda volta. Il suo rapporto con i tifosi si è deteriorato con Supermario che attraverso una Instagram Story si è voluto togliere qualche sassolino dalla scarpa nei confronti di qualche supporter del Diavolo che l'ha insultato:"Comunque bello vedere così tanti tifosi milanisti che non gradirebbero un mio eventuale ed al momento IMPROBABILE ritorno. Ma va bene così: un giorno servi e l’altro no, l’importante è non pentirsene. Non è in programma NESSUN MIO MOVIMENTO per ora. Questo l’ho scritto solo per far notare la non riconoscenza ed il non rispetto di un popolo che sarà sempre e comunque nel mio cuore”.

Tags

Commenti

Commenta anche tu