A Parigi sale ancora la tensione: "Un colpo di Stato anti Macron"

A Parigi sale ancora la tensione: Un colpo di Stato anti Macron
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Dicembre Dic 2018 6 giorni fa

I servizi segreti hanno allertato l'Eliseo su appelli a uccidere e usare armi da fuoco contro parlamentari, governo e forze dell'ordine

Secondo il giornale francese Le Figaro la Francia sarebbe prossima a un colpo di Stato. E titola Gilet gialli. Le forze dell’ordine si preparano al peggio. Domani potrebbe essere davvero la giornata peggiore per la Francia. Le Figaro cita una fonte dell’Eliseo che ha parlato di golpisti pronti a organizzare un colpo di Stato. I servizi segreti francesi avrebbero allarmato il governo per appelli volti a uccidere e usare armi da fuoco contro parlamentari, governo e forze dell’ordine.

Intanto il presidente francese Macron ha richiamato a Parigi tutti gli agenti disponibili per cercare di far fronte alla guerriglia prevista. È stato chiesto ai residenti e ai commercianti della zona interessata, di non uscire di casa e non aprire i negozi. Gli Champs-Elysées sono quindi stati allertati e si preparano al peggio.

Il primo ministro Edouard Philippe ha dichiarato che saranno 89mila le forze di polizia impegnate sul territorio, delle quali 8mila solo a Parigi, contro le 4600 di sabato scorso. E annuncia di essere pronti a tutto per “neutralizzare la minaccia”. È previsto anche l'utilizzo di veicoli blindati in dotazione alla gendarmerie, al fine di proteggere gli agenti.

Philippe ha detto in Senato: "Noi continueremo a interpellare e tradurre in giustizia tutte le persone prese in flagrante di violenze, continueremo a fare prova di grande fermezza". Domani, 8 dicembre, potrebbe succedere di tutto. E il primo ministro rischia di saltare, qualora qualcosa dovesse andare storto. Macron potrebbe nominare al suo posto Pierre de Villiers, l’ex capo maggiore dell’esercito che ha combattuto in Kosovo e in Afghanistan.

Tags

Commenti

Commenta anche tu