Il ristorante Galleria salta la gara Da Moncler 2,5 milioni di affitto

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Dicembre Dic 2018 6 giorni fa

Confermata la linea del bando per Salotto e Gatto Rosso

Se Moncler avesse saputo di essere l'unico concorrente in gara non avrebbe rilanciato forse il doppio della base d'asta, ma tant'è la griffe celebre per i piumini si è aggiudicata gli spazi dell'Urban Center con un'offerta pari a 2,5 milioni di euro a fronte di un affitto annuo minimo richiesto dal Comune pari a 1,2 milioni di euro. L'assegnazione è provvisoria, si apre una fase istruttoria che comprende controlli dell'amministrazione nei confronti della società, ma a meno di sorprese Moncler potrà occupare lo spazio per 18 anni. E ieri la giunta ha approvato le linee di indirizzo per un nuovo bando di gara per i locali attualmente in uso al ristorante «il Salotto» (nella foto) e «La locanda del Gatto Rosso». C'è stata una guerra di ricorsi che ha già portato ad annullare l'assegnazione provvisoria ai vincitori dell'asta lanciata un anno fa, il Comune non si è arreso alla richiesta (almeno) del diritto di prelazione per gli attuali inquilini, lancerà un nuovo bando e si attendono nuovi scontri legali. «Dopo una nuova e approfondita istruttoria e dopo aver confermato l'insussistenza, per i due esercizi commerciali, di motivi imperativi di interesse generale al rinnovo delle concessioni, la giunta avvia l'iter per un nuovo bando» conferma l'assessore al Demanio Roberto Tasca. È stata invece rinnovata per altri 12 anni la concessione del «Café Restaurant e Galleria» a 485 mila euro di canone annuo, dopo la stima dell'Agenzia delle Entrate. L'amministrazione ha rilevato che il locale esiste con la stessa insegna in Galleria dal 1968 e conserva architetture interne risalenti all'Ottocento, ha ricevuto di recente dalla Regione il riconoscimento di insegna storica e di tradizione. «I rinnovi - insiste Tasca - rimarranno casi limitati al verificarsi di specifiche condizioni ben documentate nella nuova concessione».

Commenti

Commenta anche tu