Milly oggi in diretta tv «Una Prima spiazzante»

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Dicembre Dic 2018 9 giorni fa

Prima della Scala oggi, anche in Tv. Già, proprio così: una diretta su RaiUno che a partire dalle 17.45 verrà condotta da Milly Carlucci in tandem con Antonio Di Bella. Sì, proprio lei: una veterana del piccolo schermo, già arrivata alla sua terza volta operistica; due anni or sono si occupò della «Madama Butterfly» di Puccini, l'anno scorso dell'«Andrea Chénier» di Giordano, quest'anno l'«Attila» verdiana. La conduttrice è a Milano, una riunione dopo l'altra, gli ultimi preparativi fervono in teatro.

«Negli anni sono diventata un'appassionata d'opera e di classica - attacca la Carlucci - E questo lavoro in particolare mi interessa moltissimo, intanto perché inconsueto, poco eseguito. Poi perché la messa in scena è qualcosa di veramente spiazzante, c'è una rivisitazione temporale della storia». Alla Primina per gli under 30 qualche giorno fa la formula Chailly-Livermore è stata accolta con entusiasmo: ci sono stati diciotto minuti di applausi.

«Impossibile non amare Verdi - continua - ma chi ama la musica pop, come la amo io, non può non apprezzare anche Puccini». Non sempre belcanto: racconta dell'epoca dei Pink Floyd, erano i suoi ascolti. «Le cose cambiano - prosegue - e facendo il lavoro che faccio mi è capitato di ascoltare di tutto un po', apprezzando cose molto diverse». Ma ora è il giorno della lirica e lei (con Di Bella appunto) accompagnerà per mano il pubblico di Rai Uno, già prima dell'avvio dello spettacolo, «per introdurre un po' al tema». E ancora: «Una delle scommesse sarà proprio portare un ascoltatore, non necessariamente specializzato od orientato all'opera, a provare curiosità verso questo genere». Chissà, forse addirittura nell'anticamera di una scoperta, di una futura passione. Milly, sempre in diretta, comparirà durante l'intervallo nel Ridotto Toscanini e alla fine della rappresentazione: «Saremo dietro alle quinte, ci saranno gli ospiti. Speriamo che venga anche il maestro Chailly».

LuPav

Commenti

Commenta anche tu