"Venduto traditore, muori": insulti choc dei 5S a Dall'Osso

Venduto traditore, muori: insulti choc dei 5S a Dall'Osso
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Dicembre Dic 2018 11 giorni fa

La base grillina scatenata contro il deputato che ha scelto di passare a Forza Italia: "Vuoi soltanto tenerti tutti i soldi"

"Un altro avido senza spina dorsale". "Appartieni alla peggior specie di essere umano". "Ho sentito parlare un figlio di tr... che si fa eleggere tra i Cinque Stelle e poi passa a Forza Italia al grido Onestà, onestà. Se non scende il cristo a fulminarlo, spero ci pensi qualche altra divinià". E poi una serie di "Giuda", "venduto" e "traditore".

Non appena il deputato Matteo Dall'Osso, disabile e afflitto da sclerosi multipla dal 2013, ha annunciato di voler passare dal gruppo del M5S a quello di Forza Italia, la sua bacheca Facebook si è riempita di insulti choc da parte della base grillina che lo accusa di puntare solo ai soldi che intascherebbe non avendo l'obbligo di restituire una parte dello stipendio.

"Dall'osso alla ciccia, mò si che se magna come se deve!", accusa infatti un commentatore, "La disabilità più forte, caro mio, c'è l'hai al cervello. Immagino la delusione di tutte quelle persone che ti hanno votato e che, con grande nonchalance, hai preso per il culo!". "Dimettiti!!! passare addirittura a Forza Italia?! Come puoi fare una cosa del genere?! Hai tradito tantissimi la volontà di tantissimi elettori... A CASA SUBITO!!! VERGOGNATI!!!", ha aggiunto un altro

Con il deputato si sono schierati i deputati di Forza Italia. "Matteo Dall'Osso troverà lo spazio che cerca per portare avanti le sue battaglie in favore dei diritti di tutti e delle persone con disabilità", ha detto Mara Carfagna, vicepresidente della Camera, "Questo spazio politico gli è stato finora negato dai Cinque Stelle che oggi, minacciando sanzioni economiche, provano a minarne anche l'autonomia. Non basterà una telefonata di Luigi Di Maio a fargli cambiare idea nè a far dimenticare all'opinione pubblica che i Cinquestelle non hanno alcuna sensibilità sul tema dei diritti".

Il Movimento 5 Stella la smetta di 'minacciarè ritorsioni nei confronti di chi con coscienza ha deciso di abbandonarli, dopo essere stato trattato a pesci in faccia, per abbracciare una nuova esperienza politica. E' una vergogna". Lo afferma Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia. "Piuttosto che fare i bulletti del quartierino, anche sui social, i grillini si chiedano come mai Matteo Dall'Osso ha deciso di cambiare gruppo. Facciano un serio esame di coscienza e comincino ad aprire gli occhi. Per loro l'orizzonte è cupo, molti sono gli insoddisfatti, tanti cominciano a guardarsi attorno. L'Italia è una Repubblica democratica e i suoi parlamentari, fino a quando non verrà cambiata la Carta costituzionale, sono liberi di decidere a quale gruppo parlamentare aderire. Al collega Dall'Osso esprimiamo piena solidarietà per questo ennesimo atto di bullismo politico che sta subendo, e ribadiamo che in Forza Italia la libertà di pensiero, espressione e azione non è una narrazione ma una realtà, della quale andiamo fieri", conclude l'esponente di FI.

Commenti

Commenta anche tu