Cinque ragazzini e una mamma: ecco chi sono le vittime della tragedia in discoteca

Cinque ragazzini e una mamma: ecco chi sono le vittime della tragedia in discoteca
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
8 Dicembre Dic 2018 8 giorni fa

ll concerto di Sfera Ebbasta si è trasformato in strage: in una discoteca in provincia di Ancona 6 persone sono morte schiacciate dalla ressa, mentre cercavano di scappare dal locale, dopo che qualcuno aveva spruzzato uno spray urticante

Il concerto di Sfera Ebbasta alla Lantera Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona, si è trasformato in una tragedia: attorno all'una di notte sei persone sono morte schiacciate dalla ressa, causa anche il cedimento di due muretti, mentre cercavano di scappare dalla discoteca, dopo che qualcuno aveva spruzzato uno spray urticante al peperoncino.

I feriti, con traumi e lesioni da schiacciamento, sono circa 120, per cui il bilancio delle vittime potrebbe drammaticamente salire: sette persone sono in rianimazione e alcune di queste sono in pericolo di vita.

A perdere la vita cinque giovanissimi e una madre di 39 anni, Eleonora Girolimini, che come tanti genitori aveva accompagnato i propri figli all'evento live. Gli altri morti sono Mattia Orlandi, 15 anni, Daniele Pongetti, 16, Asia Nasoni, 14, Emma Fabini, 14. La sesta vittima pareva essere Benedetta Vitali, 15 anni, ma lei stessa ha comunicato via Instagram che al concerto di Sfera Ebbasta non c'è mai andata: bisogna ora capire se si è trattato di un'omonimia o di un errore nella diffusione dei nomi.

Drammatiche le testimonianze di alcuni sopravvissuti: "Stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore acre, siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l'abbiamo trovata sbarrata, i buttafuori ci dicevano di rientrare", dice un ragazzo di 16 anni. Che aggiunge: "Uno è morto schiacciato sotto a tutti". Altri presenti, invece, hanno raccontato: "Abbiamo sentito un odore acre e siamo scappati".

Tags

Commenti

Commenta anche tu