Forza Nuova "assedia" l'Anpi: "È nemica della nazione"

Forza Nuova assedia l'Anpi: È nemica della nazione
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
8 Dicembre Dic 2018 8 giorni fa

Questa mattina i militanti di Forza Nuova si sono presentati davanti ai cancelli dell'Anpi per lanciare la loro campagna contro "i nemici della nazione". Seguiranno altri blitz

Forza Nuova “assedia” l’Anpi. Questa mattina i militanti del movimento guidato da Roberto Fiore si sono presentati di fronte alla sede nazionale dell’associazione, in via degli Scipioni 271, “armati” di fumogeni, bandiere ed uno striscione con la scritta: “Assediare i nemici dell’Italia”. E quindi l’Anpi che, secondo Forza Nuova, “è il simbolo di un potere decennale annidato e velenoso” che si va portavoce di “idee immigrazioniste e anti-nazionali” e “avvelena gli italiani con l’antifascismo”. Non è la prima volta che Forza Nuova sceglie l’Anpi come obiettivo delle sue azioni. Anche lo scorso novembre, a Torino, in occasione della consegna della tessera onoraria dell’Anpi a Mimmo Lucano, Ilaria Cucchi ed Ugo Nespolo, era apparso un striscione di protesta.

Ma l’azione di oggi, fanno sapere da Forza Nuova, è solo la prima di una serie che vedrà nel mirino quelli che vengono chiamati “nemici della nazione”. Ovvero? “Massonerie, forze repressive, magistrati sovversivi, mafia nigeriana, gender, redazioni di giornali, capitalismo di rapina e dinastie varie”. Tra questi non è ben chiaro se rientri a pieno titolo o meno il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, alle prese in queste ore con la manifestazione nazionale della Lega a piazza del Popolo. Il movimento di estrema destra, però, ci tiene comunque a sottolineare: “Questa mattina non eravamo a piazza del Popolo”. E ancora: “Non ci piacciono le bugie di Salvini, né il suo decreto liberticida (decreto sicurezza, ndr). Tantomeno i suoi prossimi viaggi (in Israele, ndr). Le sirene del sistema liberale non ci interessano”. Non come i gilet gialli della Francia che, concludono, “stanno insegnando agli europei la strada del riscatto”.

Tags

Commenti

Commenta anche tu