Casamonica, donna tenta di rioccupare la casa, Salvini: "La pacchia è finita"

Casamonica, donna tenta di rioccupare la casa, Salvini: La pacchia è finita
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Dicembre Dic 2018 13 dicembre 2018

La fidanzata di uno dei figli di Giuseppe Casamonica ha violato i sigilli di una delle case abusive confiscate al clan nel quartiere romano del Tuscolano

I Casamonica ci riprovano. La fidanzata di uno dei membri del clan ha violato i sigilli, cercando di occupare una delle case abusive confiscate nel quartiere romano del Tuscolano.

La donna, dopo aver rotto i sigilli, ha danneggiato la serratura della porta d'ingresso e si è sistemata nella casa confiscata Giuseppe Casamonica e liberata lo scorso 17 luglio dai carabinieri di Frascati, nel corso dell'operazione 'Gramigna'. La ragazza di 19 anni, probabilmente, la fidanzata del figlio di Giuseppe Casamonica, è stata così denunciata per occupazione abusiva dello stabile che, nel frattempo, era stato affidato all'Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati. A 'beccarla' sono stati i carabinieri della stazione Roma Tuscolana che hanno lavorato in tandem con i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Piazza Dante. L'immobile, ora, è stato nuovamente liberato e sono stati ripristinati sia i sigilli sia la serratura. Duro il commento del ministro Matteo Salvini che era salito personalmente su una ruspa per dare il via alla demolizione: "Roba da matti! Una donna del clan #Casamonica rompe i sigilli, sfonda e rioccupa. SGOMBERATA, di nuovo. Toglietevelo dalla testa: la legalità vince, la pacchia è finita! #lamafiamifaschifo". Il sindaco Virginia Raggi, sempre su Twitter, ha ringraziato le forze dell'ordine: "#NonAbbassiamoLoSguardo @Roma Capitale è al fianco di Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata. Inaccettabile occupazione loro stabile da parte Casamonica. Grazie a @_Carabinieri_ per intervento. Istituzioni unite per legalità".

Tags

Commenti

Commenta anche tu