Mangiava il cibo dei clienti: rider colto in fallo

Mangiava il cibo dei clienti: rider colto in fallo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Dicembre Dic 2018 15 dicembre 2018

Un rider indiano aveva l'abitudine di mangiare il cibo destinato ai clienti, per poi consegnare confezioni vuote: il responsabile è stato filmato e licenziato

Il lavoro del rider è oggi tra i più richiesti dai ristoranti, per la consegna a domicilio del cibo. Un lavoro stancante e spesso non pagato adeguatamente, che richiede una certa linea di condotta da seguire per la soddisfazione ultima della clientela. Per questo motivo è severamente vietato manomettere i pacchi o le buste, né tantomeno assaggiarne il contenuto. Purtroppo quest'ultimo aspetto non sempre è così ovvio, come accaduto nel sud dell'India nella città di Madurai, dove un addetto alle consegne di cibo da asporto è stato ripreso mentre gustava il contenuto delle confezioni. Ripreso tramite uno smartphone, se ne stava seduto sul suo scooter e mangiava con un cucchiaio gli alimenti contenuti nei pacchi, destinati alla clientela.

Dopo aver parcheggiato lungo una stradina laterale, lontano da occhi indiscreti, l'uomo estraeva dalla sacca posteriore del suo motorino i vari piatti, per poi richiudere il tutto con del nastro adesivo. La scena si è ripetuta con più di una consegna e il video è divenuto in poco tempo virale sui social media. L'uomo lavorava per conto di Zomato, un servizio di ricerca online dei ristoranti, che attualmente comprende 23 nazioni tra cui l'Italia.

L'azienda ha affermato di avere una politica di tolleranza zero per quanto concerne la manomissione di cibo e dunque, dopo aver avviato un'accurata indagine, ha provveduto a licenziare il rider. Un portavoce di Zomato ha riferito: "Abbiamo parlato a lungo con lui e, mentre capiamo che questo è stato un errore umano di giudizio, l'abbiamo tolto dalla nostra piattaforma". Infine, lo stesso portavoce ha detto che la società ha pensato di introdurre scatole a prova di manomissione e anche una formazione adeguata per i suoi 150.000 rider sparsi in tutta l'India.

Tags

Commenti

Commenta anche tu