Rapinato in casa l'ex suocero di Salvini, furto a Scaroni

Rapinato in casa l'ex suocero di Salvini, furto a Scaroni
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Dicembre Dic 2018 15 dicembre 2018

Avrebbe lasciato una portiera aperta dopo essere sceso dalla sua auto. E il ladro, in un secondo, ha fatto sparire tutto. Un brutto giovedì per il presidente del Milan Paolo Scaroni. Secondo quanto segnalato ieri mattina in Procura il numero uno rossonero il 13 dicembre - poche ore prima dell'eliminazione dei rossoneri dall'Europa League - è stato derubato di una valigetta contenente 10mila euro in contanti. Era sceso dall'auto in Largo Augusto e si era allontanato, quando un ladro, infischiandosene della presenza in macchina dell'autista, ha approfittato della portiera posteriore aperta, ha arraffato la valigetta ed è scappato. L'autista ha provato allora a inseguire il malvivente, ma mentre correva una donna, complice del ladro, lo ha bloccato, quindi è fuggita salendo su un bus sempre in largo Augusto insieme al «compare». Proprio dentro il mezzo, poco dopo, è stata trovata la valigetta abbandonata, il denaro era sparito.

Davvero una pessima avventura quella capitata a Lino Ieluzzi, ex suocero di Matteo Salvini (è il padre della ex moglie Fabrizia) rapinato in casa sua in viale Gian Galeazzo, sempre giovedì ma intorno a mezzanotte. Era rientrato a casa intorno alle 21 e si trovava con la domestica. Quando lei è uscita per portare il cane fuori due o tre più voci l'hanno bloccata, minacciandola alle spalle e costringendola a entrare in casa. Una volta all'interno hanno intimato a lei e a Ieluzzi di non muoversi, quindi hanno rovistato in casa e rubato parecchi oggetti e monili. L'ammontare del furto sarebbe ingente, ma la squadra mobile sta ancora redigendo l'inventario e non può ancora parlare di cifre.

Commenti

Commenta anche tu