Rapallo, tossico si scaglia contro gli agenti di polizia

Rapallo, tossico si scaglia contro gli agenti di polizia
Inside Over
18 Dicembre Dic 2018 18 dicembre 2018

A Rapallo un tossicodipendente, in evidente stato di escandescenza e sporco di sangue, si è accanito contro gli agenti di polizia che cercavano di calmarlo

"La necessità è quella di dotare di pistola taser tutti gli equipaggiamenti chiamati ad intervenire in strada in caso di emergenza. Troppe e sempre più frequenti le aggressioni nei confronti delle forze dell’ordine". Stefano Paoloni, segretario del Sap (Sindacato Autonomo di Polizia), ritorna su questo spinoso tema dopo l’aggressione che alcuni agenti di polizia hanno subìto a Rapallo da un tossicodipendente che era completamente fuori di senno.

L'uomo, infatti, prima si è ferito scagliato contro una vetrata ferendosi, e, poi, sporco di sangue, ha aggredito i poliziotti intervenuti per fermarlo. "I colleghi subito dopo l’intervento si sono recati in pronto soccorso per sottoporsi agli opportuni trattamenti di profilassi, considerato che il soggetto fermato, con problemi di tossico dipendenza, si è scagliato contro di loro sporco di sangue. La profilassi - ha spiegato Paoloni - si rende necessaria perché il soggetto potrebbe essere affetto ad esempio, da AIDS o TBC, e in caso di contagio, la terapia cui verrebbero sottoposti i colleghi, è fortemente debilitante". Il segretario del Sap parla di un rischio di contagio "altissimo", soprattutto per quei colleghi che "a casa hanno dei bimbi piccolissimi". Il contatto fisico – conclude – va assolutamente evitato, soprattutto in queste situazioni. Il taser avrebbe semplificato l’operazione, evitando rischi, preoccupazioni e che lo stesso fermato commettesse autolesionismo".

Tags

Commenti

Commenta anche tu