Nugnes (M5s): "Nella manovra c'è molto che non va"

Nugnes (M5s): Nella manovra c'è molto che non va
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
21 Dicembre Dic 2018 21 dicembre 2018

La senatrice ribelle Paola Nugnes attacca: "Questa manovra finanziaria è molto attesa e molto voluta dagli italiani ma purtroppo però c'è anche molto che non va"

"Questa manovra finanziaria è molto attesa e molto voluta dagli italiani. Ed è per questo che credo sia giusto appoggiarla nelle sedi istituzionali. Purtroppo però c'è anche molto che non va". A scriverlo su Facebook è Paola Nugnes, senatrice grillina che è finita nel mirino del collegio dei probiviri del Movimento per aver votato contro il dl Sicurezza e che alcuni rumors danno vicina a passare con il gruppo misto.

La Nugnes contesta la creazione della centrale unica di progettazione, "un lutto per la cultura architettonica e per le esigenze di questo Paese che presenta diversificazioni paesaggistiche e architettoniche estremamente varie" ma soprattutto "l'innalzamento delle soglie (da 40 a 200mila euro) degli affidamenti pubblici diretti" che rischia di minare "il contrasto alla corruzione e lo scambio politico". "C'è poi la possibilità di cambio di destinazione d'uso degli edifici pubblici venduti dallo Stato, un provvedimento che rischia di snaturare i centri storici delle città", si legge ancora nel post della Nugnes che, per finire, critica le spinte autonomiste dei leghisti, "un vero passo falso a scapito del Sud ". Secondo la senatrice dissidente "la quantità di soldi che lo Stato trasferisce alle Regioni - scrive la senatrice dissidente criticando le spinte autonomiste dei leghisti - dovranno essere considerati in base non solo al fabbisogno territoriale, ma anche secondo il gettito fiscale pro capite: è facile immaginare che le Regioni più ricche come il Veneto avranno ancora più servizi e assistenza, mentre quelle povere (ossia quelle del Sud) ne avranno ancora meno".

Tags

Commenti

Commenta anche tu