Il digiuno riparatore a Natale: perché evitarlo

Il digiuno riparatore a Natale: perché evitarlo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
22 Dicembre Dic 2018 22 dicembre 2018

I digiuni riparatori, prima o dopo le feste natalizie, non servono a nulla. Possono provocare gravi danni alla salute. A lanciare l’allarme è l’Istituto Superiore di Sanità che ci fornisce accorgimenti utili per evitare intossicazioni da cibo e chili di troppo

Digiunare prima delle feste natalizie o subito dopo è inutile. È dannoso per la salute. A lanciare l’allarme è l’Istituto Superiore di Sanità che in vista della maratona alimentare natalizia, focalizza l’attenzione su quali accorgimenti seguire per non incorrere in brutte sorprese come le intossicazioni da cibo.

Digiunare è un comportamento errato che provoca danni all'assetto ormonale, in particolar modo dell'insulina. Il digiuno inoltre, ci fa venire più fame rispetto a quella indotta quando si fanno pasti regolari. In generale astenersi completamente dal cibo non è una strategia per perdere peso. Gli effetti dei digiuni prolungati non sono efficaci e vanno effettuati sotto controllo medico che deve verificarne le condizioni a rischio.

In questo periodo natalizio aumentano i casi di intossicazioni da cibo o le malattie microbiologiche veicolate dagli alimenti che ingeriamo. L’Istituto Superiore di Sanità raccomanda di non interrompere la catena del freddo per quanto riguarda i cibi che vanno tenuti in frigo prima della preparazione e della cottura. Altra raccomandazione riguarda il consumo degli avanzi, sempre abbondanti dopo cenoni e pranzi. Non dimenticate di conservarli in frigorifero e non lasciare passare troppo tempo prima di consumarli. È errato scongelarli e ricongelarli. Questi ripetuti passaggi sono errati perché alimentano la crescita batterica e il rischio di contaminazione.

Bisogna prestare attenzione anche agli ingredienti crudi, utilizzati per la preparazione di salse e dolci. In cima alla lista degli alimenti a rischio ci sono le uova crude. Nel guscio si possono annidare alcuni germi capaci di provocare malattie che solo la cottura può minare.

Per non ingrassare, l’Istituto Superiore della Sanità raccomanda di non eccedere nelle porzioni delle pietanze. Bisogna evitare il pane, soprattutto per accompagnare o per raccogliere le salse nel piatto. Da evitare sono anche quei cibi che sembrano salutari, ma sono ricchi di zucchero. Bisogna preferire il panettone al pandoro che contiene meno calorie e limitarsi al consumo di una sola fetta dopo il pranzo o il cenone di Natale. Anche con gli alcolici non bisogna esagerare. Un bicchiere di vino a pasto è più che sufficiente per festeggiare senza accumulare ulteriori calorie.

Tags

Commenti

Commenta anche tu