Lancio di sassi contro la metro Presi 13enni:"Era un gioco"

Lancio di sassi contro la metro Presi 13enni:Era un gioco
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
23 Dicembre Dic 2018 23 dicembre 2018

Una sassaiola che solo per un caso fortuito non ha creato feriti o peggio. «Un gioco, per passare il tempo», «Uno scherzo» hanno spiegato a turno i responsabili, due 13enni italiani, una volta identificati dalla squadra investigativa della Polmetro dopo che, nei giorni scorsi, avevano danneggiato cinque treni in corsa tra le stazioni della metro di Crescenzago e Cimiano (linea 2, la verde) lanciando piccole pietre. Alcuni testimoni hanno descritto agli agenti i due ragazzini e, anche grazie alle immagini delle telecamere, si è riusciti a risalire all'identità di uno dei due fermato proprio in metropolitana a Crescenzago dove il ragazzo passa ogni giorno per recarsi a scuola. Una volta messo sotto torchio dalla polizia, ha confessato tutto e rivelato il nome del suo coetaneo, un compagno di classe. Anche lui quindi ha parlato di «un passatempo». Che adesso però costerà caro a loro e anche alle loro famiglie, persone normalissime, attonite e amareggiate davanti all'evidenza di quanto combinato dai figli. Trattandosi di minori non imputabili, infatti, toccherà proprio a questi ignari genitori risarcire i danni ad Atm. Durante la sassaiola, nel punto in cui la metropolitana verde viaggia in superficie, conducenti e passeggeri si sono spaventati moltissimo. In due casi, i vetri colpiti sono andati in frantumi, mentre in un episodio è stato centrato il parabrezza della cabina del macchinista. Nonostante l'immediato intervento degli agenti delle Volanti e degli addetti della security Atm, gli autori del raid erano riusciti a scappare. Solo per pochi giorni però.

«Per vincere la noia» era il mantra anche di un vero e proprio branco di 39 giovanissimi distruttori di mezzi pubblici - tutti minori, tutti incensurati - identificati e denunciati circa un anno fa, a gennaio, sempre dalla Polmetro dopo che, partendo dalla stazione del metrò di Porta Genova e sempre lungo la linea verde, vennero «immortalati» dalle telecamere mentre prendevano a calci e pugni gli arredi, prima sulla banchina e poi sui convogli, provocando danni da decine di migliaia di euro per Atm che si ritrovò con 2 treni distrutti e fuori uso. «Li unisce e li anima una sorta di malanimo, di rancore» spiegò allora la polizia. Ma cosa spinga veramente ragazzi e ragazze tanto giovani a scagliarsi all'improvviso e con una violenza inaudita, contro cose e oggetti di pubblica utilità, rischiando di ferire le persone, nessuno riesce ancora a spiegarcelo.

Commenti

Commenta anche tu