Le cinque regole da rispettare a tavola nel 2019

Le cinque regole da rispettare a tavola nel 2019
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
28 Dicembre Dic 2018 28 dicembre 2018

Uno stile di vita sano si piò perseguire partendo da abitudini alimentari concrete. In questi giorni l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stilato un decalogo di regole da rispettare per un 2019 in salute

Per condurre uno stile di vita sano bisogna rispettare delle semplici e facili regole da concretizzare.

Uno degli obiettivi da perseguire per l’Anno nuovo è quello di migliorare le proprie condizioni di salute. Il cambiamento avviene a tavola seguendo un’alimentazione equilibrata che includa il consumo di alimenti genuini e di qualità. A ribadirlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità che in questi giorni ha stilato un decalogo di cinque regole d’oro.

Quello dell’Oms è una sorta di lista dei buoni propositi per il 2019 da tenere a mente per un'alimentazione sana, che va sempre affiancata a un po' di attività fisica, e per una vita più lunga. Ciò che mangiamo e beviamo, infatti, può influenzare la capacità del nostro corpo di combattere le infezioni, nonché la probabilità di sviluppare problemi di salute come l’obesità, le malattie cardiache, il diabete e diversi tipi di cancro.

Ecco le cinque regole da rispettare a tavola per un 2019 in salute:

1)Variare gli alimenti: i nostri corpi sono complessi e nessun singolo alimento contiene tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno. Le nostre diete devono quindi contenere una grande varietà di cibi freschi. Occorre consumare quotidianamente grano, mais, riso e patate, legumi come lenticchie e fagioli, molta frutta fresca e verdura, e alimenti di origine animale (carne, pesce, uova e latte). È bene prediligere cibi integrali e non raffinati;

2) Moderare il consumo di sale: la maggior parte delle persone in tutto il mondo mangia troppo sale. Il limite raccomandato dall'Oms è di 5 grammi (equivalente a un cucchiaino) al giorno. E anche se non lo aggiungiamo a ciò che cuciniamo, dobbiamo sapere che il sale è presente negli alimenti o nelle bevande industriali, spesso in quantità elevate. Uno dei consigli di vitale importanza è rimuovere i condimenti salati dalla nostra tavola;

3) Ridurre il consumo di grassi e oli: I grassi trans industriali sono i più pericolosi per la salute perché aumentano il rischio di infarto del 30%. Per questo l'Oms consiglia di sostituire burro, strutto e lardo con oli più sani come quello di soia, colza, mais o girasole. Preferire la carne bianca alla carne rossa come pollame, o pesce. Eliminare comunque il grasso visibile dalla carne e limitare il consumo di quella lavorata;

4) Limitare gli zuccheri: come per il sale, occorre limitare l'assunzione di dolci e bevande come bibite gassate, succhi di frutta, acqua aromatizzata, energy drink, tè e caffè pronti da bere e bevande al latte aromatizzate;

5) Evitare l'abuso di alcol: l'Oms avverte che non esiste un livello sicuro di consumo di alcol. Per molte persone anche pochissimi alcolici possono essere associati a significativi rischi per la salute. Non si dovrebbe poi bere alcolici in gravidanza o in fase di allattamento o con l'assuzione di farmaci.

Tags

Commenti

Commenta anche tu