Il 2019 inizia a tavola: cosa non mancherà

Il 2019 inizia a tavola: cosa non mancherà
Inside Over
1 Gennaio Gen 2019 01 gennaio 2019

Il 2019 sarà l’anno in cui si acquisirà maggiore consapevolezza del “mangiare bene e sano”. La cucina internazionale ha individuato gli alimenti che non devono assolutamente mancare nella nostra alimentazione. Sono prodotti di qualità e dalle benefiche proprietà, utili per il nostro benessere

Il 2019 si prospetta un anno in cui si acquisirà maggiore consapevolezza del nutrirsi bene attraverso un’esplorazione di sapori e gusti che provengono da cucina lontane.

Nella gastronomia internazionale ci sono degli ingredienti che non potranno mancare perché fondamentali per la nostra cultura. Ecco gli ingredienti di tendenza che saranno fondamentali per la nostra salute a tavola:

1) Kasha: sostituto del grano soddisfa le esigenze di chi è intollerante al glutine. E' pieno di nutrienti e antiossidanti. E'diventato molto di moda nelle cucine di tutta Europa. I semi di kasha sono spesso utilizzati come contorno come sostituti del riso e della quinoa;

2) Bacche di prugnolo, ciliegie corniola e punte di abete rosso: il prugnolo è una bacca spesso usata nel Gin, dal sapore acido e amaro. La ciliegia corniola è un frutto relativamente sconosciuto originario dell’Europa orientale, ottimo per confetture e marmellate. Le punte di abete rosso sono punte fresche commestibili provenienti da abete o abete rosso. Inzuppate nello sciroppo con un po’ di succo di limone, sono il dessert perfetto;

3) Alga marina: utilizzata da secoli nella cucina asiatica, l’alga marina è una proposta salutare che si fa strada nelle cucine di tutta Europa. Utilizzata come sapore di base in un impasto o un brodo. L’alga può essere usata per insaporire insalate e spuntini freddi o pasti principali;

4) Olio d’oliva: l’olio d’oliva è stato una costante nel calendario culinario per decenni e continuerà ad esserlo per gli anni a venire. A seconda della varietà e della maturazione del frutto e delle coltivazioni degli ulivi, il sapore può essere diverso e utilizzato in tante ricette differenti;

5) Amaranto, chia, cacao e chili: l’amaranto, è uno dei cereali più antichi del mondo. È stato scoperto dagli Aztechi e fu considerato il cibo degli dei. Contiene poco glutine e ha un sapore di nocciola. Può essere utilizzato in tanti modi per creare ricette deliziose, come un’ottima orzata o la crema pasticcera;

6) Ceci: i migliori ceci del mondo provengono dalla Provenza, per la precisione da Rougiers, dove sono coltivati su terreni vulcanici. I ceci stanno rapidamente diventando un alimento base della cucina. Con essi si possono creare interessanti ricette come la pastella di ceci fritti o le crepes di farina di ceci;

7) Verdure di stagione: le verdure stanno rapidamente diventando l’ingrediente principale dei menu dei ristoranti. Ciò non vale solo per i piatti vegani ma anche come ingrediente che potrebbe essere accompagnato da pesce o carne;

8) Lino, acai o spirulina: semi come il lino, frutti dell’Amazzonia come l’acai o alghe come la spirulina, hanno già fatto il loro ingresso nel mondo degli alimenti salutari, e stanno iniziando a fare la loro comparsa anche nei ristoranti di alta cucina.

Tags

Commenti

Commenta anche tu