Roma, nigeriano fugge davanti ad agenti: nello zaino 2 kg di droga

Roma, nigeriano fugge davanti ad agenti: nello zaino 2 kg di droga
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
3 Gennaio Gen 2019 03 gennaio 2019

Lo straniero girava in tram con 2 kg di marijuana nello zaino, ma fugge di fronte agli agenti di polizia, che lo inseguono. Si tratta dell’ennesimo arresto per droga: nei giorni scorsi a finire in manette per la stessa ragione un altro nigeriano ed un gambiano

È finito in manette, a Roma, un cittadino straniero trovato in possesso di un’ingente quantitativo di droga. L’uomo stava trasportando il compromettente carico dentro uno zainetto, mentre si spostava per la Capitale.

Il suo tragitto si è tuttavia interrotto a bordo di un tram di linea. Alla fermata in piazza di Porta Maggiore, infatti, sono saliti alcuni agenti di polizia ed il pusher ha iniziato ad innervosirsi. Immediatamente ha cercato di allontanarsi, alzandosi dal suo posto e dirigendosi in tutta fretta verso le uscite. Un comportamento che ha, ovviamente, fatto sorgere più di un sospetto negli uomini in divisa, che hanno subito raggiunto e fermato lo straniero, chiedendogli di mostrar loro i documenti d’identità.

Questi ha opposto una certa resistenza e, spintonando i poliziotti, è riuscito a guadagnare una via di fuga ed a lanciarsi in strada. La sua corsa è comunque durata poco, dato che in via Statilia è stato nuovamente raggiunto dagli agenti, che hanno effettuato una perquisizione.

All’interno dello zainetto che trasportava in spalla, trovato abbandonato a terra, sono stati rinvenuti ben 2 chili di marijuana, accuratamente sistemati in un rivestimento di cellophane. Ammanettato, lo straniero è stato quindi condotto all’interno degli uffici del commissariato Esquilino (Roma), dove sono avvenute le usuali pratiche di identificazione. Si tratta di un nigeriano di 37 anni, ora in attesa di giudizio con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Le indagini degli inquirenti sono ora orientate all’identificazione dei destinatari del sostanzioso carico di droga.

Tags

Commenti

Commenta anche tu