Arriva il dispositivo Wi-Fi di Zuckerberg che legge il cervello

Arriva il dispositivo Wi-Fi di Zuckerberg che legge il cervello
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Gennaio Gen 2019 04 gennaio 2019

Mark Zuckerberg ha finanziato un dispositivo in grado di leggere il cervello

Si chiama Wand ed é stato realizzato dall’Universitá di Berkeley e dalla startup Cortera. Al momento testato solo sulle scimmie, il dispositivo Wi-Fi capace di leggere il cervello si pone un ambizioso obiettivo. Secondo i suoi fondatori, la missione di Wand sarebbe infatti quella di prevenire e curare “tutte le malattie del mondo nel giro di una generazione”. A partire da malattie neurodegenerative e disturbi motori, come il morbo di Parkinson o l’epilessia, il dispositivo portatile capace di leggere il cervello potrá quindi rivoluzionare campi come la medicina e le neuroscienze nel giro di qualche decina di anni.

Finanziato da Mark Zuckerber e da sua moglie, Priscilla Chan, con un ampio budget di 5 miliardi di dollari, ricavato attraverso la vendita di 29 milioni di azioni di Facebook, il dispositivo Wand si é rivelato efficace nel corso della sua prima fase di sperimentazione. Il test, eseguito su delle scimmie addestrate a muovere un cursore su un monitor attraverso l’uso di un joystick, ha infatti dimostrato che il dispositivo riusciva non solo a prevedere quando e come l’animale stava per compiere il movimento, ma era anche in grado di bloccarne l’azione.

Wand si é dimostrato capace di monitorare gli impulsi celebrali dei primati, intervenire ed influenzare con una scarica elettrica i segnali di 128 punti del loro cervello. Regolando il processo attraverso degli algoritmi, il dispositivo é stato capace non solo di anticipare i movimenti delle scimmie su cui é stato sperimentato, ma anche di interferire con i loro gesti mediante scariche elettriche. Si tratta in sostanza di un dispositivo senza fili, una sorta di pacemaker celebrare, che per mezzo di elettrodi legge in tempo reale gli impulsi elettrici del cervello. In questo modo, per i suoi ideatori Wand aprirá la strada a nuove sperimentazioni mediche e terapeutiche.

Tags

Commenti

Commenta anche tu